Aggiornato alle: 00:06

F1, Stati Uniti: Hamilton vince ad Austin | Rosberg 2°. Vettel 4°, Raikkonen si ritira

di Redazione

» Altri Sport » F1, Stati Uniti: Hamilton vince ad Austin | Rosberg 2°. Vettel 4°, Raikkonen si ritira

F1, Stati Uniti: Hamilton vince ad Austin | Rosberg 2°. Vettel 4°, Raikkonen si ritira

| domenica 23 Ottobre 2016 - 22:42
F1, Stati Uniti: Hamilton vince ad Austin | Rosberg 2°. Vettel 4°, Raikkonen si ritira

Lewis Hamilton ha vinto il gran premio degli Stati Uniti di Formula 1 sul circuito di Austin in Texas, precedendo, Nico Rosberg e Daniel Ricciardo. Il tedesco della Mercedes mantiene la vetta della classifica mondiale con 26 punti di vantaggio sul compagno di squadra,c he oggi centra la vittoria numero 50 in carriera in Formula 1.

Prova incolore per le Ferrari che azzardano strategie diversificate, ma portano al traguardo solo Vettel (quarto), mentre Raikkonen è costretto al ritiro per un errore dei meccanici nel fissaggio di una gomma. Ritiro anche per la Red Bull di Verstappen, che accusa problemi al motore, ma si ostina a lungo a non parcheggiare l’auto a bordo pista.

Hamilton mantiene alla partenza la posizione di testa, mentre Ricciardo riesce a superare Nico Rosberg in seconda posizione. Buona anche la partenza di Kimi Raikkonen, che supera Verstappen in quarta posizione, mentre Vettel rimane ancora in sesta posizione.

Al nono giro, il primo pit stop di Ricciardo (stravolte le previsioni che indcavanola prima sosta al 20esimo giro) che monta gomma gialla, con Raikkonen che decide di copiare tale strategia uscendo però dietro Jenson Button (superato poche curve dopo). Verstappen rientra il giro successivo e anche lui monta gomma gialla.

La Mercedes reagisce subito: Hamilton rientra ai box al dodicesimo giro, mentre Rosberg è l’unico dei big a montare gomma media. Il più veloce in pista è Max Verstappen, che al 13esimo giro aggancia Raikkonen e lo supera in frenata a curva 12, staccandolo in poche curve.

Vettel rientra al 15esimo giro per montare gomma soft, uscendo alle spalle di Raikkonen (che però a parità di gomma ha un passo nettamente inferiore). Rosberg spinge anche con la gomma dura, perché alle sue spalle già si intravede la sagoma di Verstappen (che al 21esimo giro vede però crollare la propria prestazione).

Al 25esimo giro Raikkonen viene superato da Vettel ed il finlandese viene richiamato ai box per montare gomma supersoft. Al 26esimo giro risponde Ricciardo, che invece opta per la gomma media e rientra in terza posizione. Poi il disastro della Red Bull, con Verstappen che rientra senza essere stato chiamato perdendo posizione e tanti secondi su Raikkonen, mentre Vettel rientra ai box per montare gomma media e arrivare fino alla fine.

Per Verstappen poi arriva la beffa: al 29esimo giro problema tecnico per lui, che però si incaponisce e prosegue in pista a velocità bassissima anziché parcheggiare immediatamente la vettura (azione compiuta solo diverse curve dopo); i commissari di gara dichiarano la Virtual Safety Car con Hamilton che ne approfitta per rientrare ai box.

Al 37esimo giro, Raikkonen arriva in scia a Ricciardo (ma hanno strategie diverse), mentre Vettel lotta con i problemi di carico aerodinamico della sua Ferrari. Due giri dopo il finlandese entra ai box per montare gomma gialla, ma appena varcata la soglia della pitlane è costretto a fermarsi a causa di una gomma mal fissata.

I giri finali vedono Ricciardo impegnato nel tentativo vano di rimontare sul secondo posto di Rosberg (anche lui con gomma media ma più vecchia); Rosberg e Vettel (che rientra anche ai box senza perdere la posizione) devono rallentare per gestire le gomme; infuria il duello fra Sainz e Alonso che si prende la quinta posizione, mentre Hamilton è ormai imprendibile.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it