efferatezza nel compiere rapine

Catania, furti in ville e gioiellerie: 11 arresti FT
Picchiavano e immobilizzavano gli anziani VD

di . Categoria: Cronaca, Sicilia

La Polizia di Stato ha arrestato, nel corso dell’operazione denominata ‘Cowards’, undici persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una serie indeterminata di reati contro il patrimonio, rapina, tentata rapina, furto e ricettazione.

I NOMI DEGLI ARRESTATI

Le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Catania hanno permesso di disarticolare un gruppo criminale ritenuto responsabile di una serie di rapine in gioiellerie, rapine in abitazione ed in villa perpetrate con particolare efferatezza ai danni di persone anziane (picchiate ed immobilizzate), furti in abitazione e ai danni di rappresentati di preziosi.

PRIVITERA Placido cl. 1989

Le indagini sono iniziate dopo una rapina aggravata commessa nel pomeriggio del 26 ottobre 2015 ai danni di una gioielleria ubicata nella centralissima via Etnea.

Dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza si vedono due giovani rapinatori, a volto scoperto, che, minacciando con una pistola il titolare del negozio, si impossessano di un panetto contenente bracciali in oro per un valore di 12 mila euro e di 2 bracciali in oro.

Dalla rilevazione della targa di un ciclomotore su cui sono fuggiti, gli investigatori sono risaliti ai due. Da lì è poi emersa l’esistenza di un’organizzazione criminale, promossa ed organizzata da Danilo Di Mauro, Giuseppe Nicolosi e Giuseppe Zappalà i quali, con l’apporto di altri soggetti, era specializzata nella commissione di una serie indeterminata di delitti contro il patrimonio.

Diverse le rapine messe in atto in ville e gioiellerie nei mesi a Catania, Viagrande (Ct), Nicolosi e Catenanuova (En), Canicattì (Ag), colpendo al volto con pugni i proprietari e procurando, in un caso, anche la rottura della protesi dentaria ad una donna ed un trauma cranico ad un uomo.

Una persona colpita dal medesimo provvedimento restrittivo è irreperibile perché già all’estero.

10 gennaio 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO







LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news