arresti estorsione Roma, arresti frascati, arresti Roma, arresti usura Roma, estorsione roma, roma usura

Presero di mira un noto imprenditore della città imponendogli il pizzo. Con queste accuse, Leonarda Francavilla e Antonio Salvatore, due esponenti di una delle più forti famiglie mafiose di Foggia sono finiti in manette.

Le indagini condotte dai carabinieri del Comando provinciale di Foggia, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, hanno infatti incastrato i due pericolosi pregiudicati.

arresti foggia pizzo

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita dai carabinieri nel corso di un’operazione denominata ‘Supersoap’. Il provvedimento eseguito stamani è stato emesso dal gip del Tribunale su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Le richieste estorsive sono state fatte ai danni di titolari e gestori del marchio e di un punto vendita della catena “Proshop”, attiva nello stesso settore merceologico (vendita al dettaglio di prodotti per l’igiene e la pulizia della casa) nel quale gli stessi volevano inserirsi.

I due sono riconducibili al clan Sinesi-Francavilla. Leonarda è infatti la sorella di Antonello (genero di Roberto Sinesi) ed Emiliano Francavilla, nonché moglie di Mario Lanza. Antonio Salvatore è il convivente della figlia di Leonarda Francavilla e Mario Lanza.

Le indagini dei carabinieri sono partite da due atti intimidatori alla famiglia Grieco. Nel pomeriggio del 12 novembre 2015, l’auto del titolare del marchio Proshop venne colpita da numerosi colpi di arma da fuoco. Poco dopo, il 17 novembre, una bomba carta danneggiò il punto vendita in via Zodiaco, a Foggia.