27 novembre referendum, 4 dicembre referendum, arturo scotto, Carlo Calenda, data referendum, data referendum costituzionale, M5S, qual è la data del referendum, quando si vota il referendum, referendum, referendum costituzionale, Renato Brunetta

Via libera dalla Commissione Affari costituzionali della Camera al testo sulla nuova legge elettorale del relatore Emanuele Fiano. Il provvedimento sarà esaminato dall’Aula di Montecitorio martedì alle 12. I lavori erano ripresi lunedì mattina dopo la “full immersion” di domenica. Sono stati votati tutti gli emendamenti agli articoli con le norme sulle elezioni della Camera e sul Senato.

“Domani porteremo in aula un testo buono, coerente e razionale”, aveva detto Fiano. “Siamo in dirittura d’arrivo, il lavoro è stato portato sostanzialmente a termine con l’approvazione del mio maxi-emendamento che contiene il corpo della legge elettorale”. Restano da votare solo alcuni emendamenti sulle esenzioni per la raccolta delle firme a sostegno delle liste.

Secondo Fiano, “il fatto politicamente più rilevante è che la legge elettorale sia approvata da una maggioranza larga che rappresenta l’8’% delle forze politiche”. “E questo è anche un elemento pacificante: si fa una legge non nell’interesse di qualcuno” , ha aggiunto.

“Quello sulla nuova legge elettorale è un accordo di potere fra i capipartito che vorrebbe espropriare il Presidente della Repubblica dei suoi compiti”, ha detto Massimo D’Alema. Ma il leader del M5S Beppe Grillo attacca: “Mdp, il nuovo partito dei cambia casacca come D’Alema, ha una paura fottuta di andare alle elezioni“.

L’accordo Pd-M5S-Fi-Lega sul modello tedesco sembra essere abbastanza solido, ma la minoranza del Pd attacca sul proporzionale e sulla possibile alleanza con Fi. La Commissione ha approvato l’emendamento che elimina i capilista bloccati, come chiedevano la minoranza interna del Pd, Si, Mdp, CI, Lega e Des-Cd. In pratica, in ogni circoscrizione, la graduatoria degli eletti che spettano a ciascun partito non parte più dal capolista della lista proporzionale.

Saranno prima eletti i candidati piazzatisi primi nei rispettivi collegi, poi i candidati della lista proporzionale, e infine i restanti candidati nei collegi uninominali.

È stato poi approvato l’emendamento alla legge elettorale che abroga le pluricandidature. Un candidato si potrà presentare solo in un collegio e in una lista proporzionale. In precedenza era prevista la possibilità di presentarsi nel collegio e in tre diverse liste circoscrizionali. In favore hanno votato Pd, M5s, Lega, Mdp e Fi, per la quale però Francesco Paolo Sisto ha sollevato dei dubbi. Contro si sono espressi Fdi, Ap, Des-Cd.