ballottaggi Friuli Venezia Giulia, ballottaggio Sacile, ballottaggio Udine, elezioni Friuli Venezia Giulia, risultati ballottaggio Udine, risultato ballottaggio Sacile

Due dati “politici” saltano agli occhi con forza dopo questa tornata di elezioni amministrative. Il Movimento 5 Stelle incassa la prima vera sconfitta della sua giovane storia; l’affluenza dei cittadini è stata molto bassa, appena più del 60%, a conferma della sempre crescente disaffezione dei cittadini. E poi il bilancio dei sindaci eletti dopo questo primo turno (in attesa dei ballottaggi): 22 vittorie per il centrosinistra, 8 per il centrodestra, 0 per il Movimento 5 Stelle.

In aggiunta c’è il fenomeno Palermo, con la quinta rielezione dell’uscente Leoluca Orlando: è l’unico sindaco di grandi città rieletto al primo turno (in Sicilia bastava il 40% più uno) e probabilmente diventerà un “caso” politico perché è lo stesso Orlando a sottolineare che “il mondo è cambiato” e che “i partiti rischiano di non rappresentare più nessuno”. È un messaggio alla Nazione? Di certo la Sicilia negli ultimi 30 anni ha avuto spesso il ruolo di “laboratorio politico nazionale” e questa vittoria di Orlando, senza simboli di partito sulla scheda elettorale, dovrà essere “studiata”.

Perchè i Cinque Stelle hanno fatto flop? La risposta non è semplice, potrebbe entrarci la gestione romana della Raggi o la recentissima vicenda della legge elettorale che evidentemente Grillo non ha saputo gestire. Di sicuro è un campanello d’allarme per il giovane movimento. È fuori dai ballottaggi nelle principali città e soprattutto nella “sua” Genova ma anche a Palermo il dato è inferiore anche alle più funeste previsioni.

Ora a Grillo potrebbe toccare il ruolo di “arbitro” di molti ballottaggi ma conoscendo il leader grillino i suoi pensieri principali saranno altri. Anche perché bussano alle porte elezioni regionali. In Sicilia, ad esempio, c’era la convinzione – fino a ieri – che alla Regione la vittoria grillina era praticamente scontata. Lo sarà ancora?  “Il primo obiettivo è dare il massimo supporto ai nostri candidati al ballottaggio – ha commentato Grillo – A luglio avremo il candidato presidente della regione siciliana, a settembre avremo il candidato premier. Dopo le regionali siciliane del 5 novembre ci saranno le politiche e l’obiettivo è andare al governo. Successi e fallimenti fanno parte della nostra storia, l’importante è non mollare mai. Tutti gongolano pensando che il M5S sia morto: illudetevi che sia così ma noi continuiamo per la nostra strada”.

Il centrodestra esce un po’ risollevato da questa tornata, ha “tenuto” in quasi tutte le principali città e sembra dire ai suoi dirigenti che il centrodestra – quando riesce a essere unito – può reggere botta. Ottimo, ad esempio, il risultato di Genova, con il presidente della regione Toti che commenta: “Penso ad un centrodestra che possa fare un percorso che porti presto a una federazione stretta, a una lista unica; bisogna innescare un processo virtuoso contrario alle diaspore e scissioni”.

E anche Berlusconi commenta positivamente l’esito di questo primo turno: “Il risultato del voto è rilevante: il centrodestra si dimostra fortemente competitivo ovunque, anche nelle regioni storicamente più legate alla sinistra. Il centrodestra può vincere quando è unito e sceglie candidati credibili. Il nostro modello di centrodestra, fondato sui valori cristiani e sui programmi liberali, ha ottenuto la fiducia di molti italiani”.

E il leader del centrosinistra Matteo Renzi, che ha evitato ingerenze in questa campagna elettorale, si ritiene comunque soddisfatto per i risultati, la sconfitta dei Cinque Stelle per lui è una buona notizia. Tanto buona da pensare, chissà quanto segretamente, di rilanciare l’idea di un voto anticipato al prossimo autunno.

Renzi ha parlato a sorpresa da Amatrice: “Buoni i dati delle amministrative, adesso avanti per i ballottaggi. Il giorno dopo le elezioni solitamente si fanno tante analisi, chiacchiere e discussioni. Noi abbiamo fatto una scelta diversa: con il presidente del Lazio Nicola Zingaretti abbiamo preso una macchina e siamo saliti ad Accumoli e Amatrice per fare il punto sui cantieri. Senza dirlo ai giornali”.

Ma quel dato dell’astensione, quasi un elettore su due non ha votato, deve fare riflettere tutti i gestori della cosa pubblica. Il dato è inequivocabile già da un po’ di tempo: la gente è stanca, molto spesso non capisce il linguaggio di certa politica e si disaffeziona al voto, evidentemente considerato sempre più inutile. Saprà capirlo la politica o continuerà a parlare di nulla mentre l’Italia arranca?

> CATANZARO: i risultati

> GENOVA: i risultati

> L’AQUILA: i risultati

> PALERMO: i risultati

00.50: A Genova si andrà al ballottaggio tra Crivello e Bucci. Ma i dati delle proiezioni (ancora parziali) sono molto… ballerini.

00.32: Ha votato il 60,07%. Il dato è definitivo ma bisogna ricordare che non tiene conto dei comuni del Friuli e della Sicilia. C’è comunque un netto calo rispetto alle precedenti amministrative.

00.13: Proiezione per Genova: distanze ravvicinate tra Bucci (cdx) e Crivello (csx): 34 a 32%.

00.09: A Parma l’ex grillino Pizzarotti è certo del ballottaggio (37%), dovrebbe vedersela con Scarpa (centrosinistra) che secondo la proiezione è al 29%. Solo 18% per il candidato grillino Ghirarduzzi.

00.08: Prima proiezione Rai per Verona. Testa a testa tra Salemi (centrosinistra) e Sboarina (centrodestra) entrambi con una forbice tra il 22 e il 26%.

00.04: La prima proiezione Rai dà Leoluca Orlando, sindaco uscente di Palermo, al 45%, a un passo dunque dalla vittoria (a Palermo è sufficiente un voto in più del 40%). E Orlando, che ha voluto liste d’appoggio senza i simboli dei partiti, lancia un messaggio importante. “La positività di questa esperienza e l’esigenza di non fermare il cambiamento sono stati confermati dalla mia proposta di civismo politico lontano da velleitarismi e da soffocanti logiche di apparato”.

23.53: Secondo Exit poll Rai anche per Genova. I dati sono molto diversi dalla prima ipotesi delle 23.01. Sarebbe in largo vantaggio il centrodestra Marco Bucci (tra 36 e 40%) mentre Crivello è tra il 24 e il 28%. Pirondini (M5S) resta tra il 18 e il 22%. Un dato ben diverso dal secondo exit poll diffuso da Emg per La7 secondo cui Crivello avrebbe tra  il 33 e il 37% dei voti e Bucci tra il 32-36%.

23.51: Secondo exit Piepoli anche per l’Aquila. Di Benedetto tra il 44 e il 48%, Biondi tra il 41 e il 45%.

23.42: Secondo exit poll IPR Marketing – Istituto Piepoli per la Rai. A Palermo cresce ancora l’uscente Leoluca Orlando: tra 41 e 45%. Fabrizio Ferrandelli oscilla tra il 30 e il 34%, il grillino Ugo Forello scende ancora: tra il 14 e il 18%.

23.10 – Ormai è scontato: M5S fuori dal ballottaggio anche a Genova,città natale di Beppe Grillo e dove la campagna elettorale è stata condizionata dalla polemica sulla candidatura della Cassimatis.

23.03: Gli exit poll delle varie città sembrano dare un responso negativo per il Movimento 5 Stelle: difficile che riesca ad andare al ballottaggio nelle grandi città. 

23.01: Exit poll IPR Marketing – Istituto Piepoli per la Rai. A Palermo in testa Orlando (forbice 39-43) davanti a Ferrandelli (26-30). A Genova testa a testa tra Bucci e Crivello (per entrambi forbice tra il 33 e il 37), Pirondini del M5S è molto più staccato: tra il 18 e il 22%. A Catanzaro avanti il centrodestra con Abramo (31-35) davanti a Fiorita (30-34), più indietro il candidato del centrosinistra Ciconte. A L’Aquila largo vantaggio per Di Benedetto (46-50) davanti a Biondi (30-34)

23.00 – Chiusi i seggi

19.57 – L’affluenza definitiva rilevata alle 19 nei quattro capoluoghi di regione: Palermo 37,55%, Genova 35%, L’Aquila 47,10% e Catanzaro 54,41%.

19.00 – Alle 19 ha votato oltre il 43,5% degli aventi diritto (il dato non tiene conto dei comuni del Friuli Venezia Giulia e della Sicilia). Alle precedenti elezioni la percentuale dei voti rilevata nella stessa ora era stata del 37,7%, ma i seggi erano rimasti aperti per due giorni.

14.15 – Tre persone in manette nel Napoletano con l’accusa di voto di scambio. Nella loro abitazione i carabinieri hanno trovato le tessere elettorali di 321 cittadini che si erano impegnati a votare un candidato in cambio di alcune decine di euro.

13.33 – Affluenza rilevata alle 12 relativa ai quattro capoluoghi di regione: Palermo 14,91 %, Genova 16,10%, Catanzaro 22,13% e L’Aquila 19,35%.

13.00 – L’affluenza alle 12 relativa ai 849 comuni al voto (non conteggiati i restanti comuni di Sicilia e Friuli Venezia Giulia) è del 19,36%. Il dato più basso è stato registrato a Genova (circa 8%).

Quattro sono i capoluogo di regione in cui si è votato: Catanzaro, Genova, L’Aquila e Palermo.