giallo ragazza ferita, Montelupo Fiorentino, parco ambrogiana, ragazza ambrogiana firenze, ragazza ferita firenze, ragazza firenze

Sono 8 le persone arrestate dalla squadra mobile di Bari accusate di un’estorsione nei confronti di un imprenditore edile e ritenute vicine al clan Strisciuglio a Bari. Le accuse a carico dei soggetti arrestati sono di estorsione aggravata, tentata estorsione e minaccia in concorso, reati tutti aggravati dall’utilizzo del metodo mafioso.

L’ordinanza è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia. Il fatto sarebbe avvenuto nel quartiere Libertà di Bari. Quattro arrestati sono sorvegliati speciali, e tutti hanno diversi precedenti penali, anche per associazione mafiosa, ad eccezione di un incensurato.

L’indagine-lampo è stata avviata il 14 giugno scorso su denuncia di un imprenditore edile al quale il gruppo aveva sottratto un’auto aziendale, una Range Rover, chiedendogli 100mila euro, da versare entro pochi giorni, e un’altra auto. Ma viste le richieste, l’imprenditore, avvicinato dallo stesso gruppo anche nello scorso periodo natalizio durante il quale gli era stata chiesta la somma di cinquemila euro “per fare trascorrere buone feste ai famigliari del capoclan” (che poi si è scoperto essere Vito Valentino, in carcere per un omicidio), si è subito rivolto alla Squadra mobile denunciando la sottrazione dell’auto, le minacce e le ulteriori richieste estorsive.

L’imprenditore venne avvicinato di nuovo con intento prima bonario, poi passando alle minacce, pronunciate in dialetto barese e mimando anche il gesto di ricorrere ad una pistola, affinché ritirasse la denuncia nei loro confronti. Il gruppo avrebbe avvicinato anche il figlio dell’imprenditore perché convincesse il padre a ritirare la denuncia, facendogli ritrovare l’auto rubata il 14 giugno parcheggiata al quartiere Libertà.

Ma l’imprenditore non ha ceduto e i presunti estorsori, incastrati anche dai filmati delle telecamere di videosorveglianza che riprendono il momento in cui il gruppo si allontana con l’auto dell’imprenditore, oggi sono stati arrestati. In carcere sono finiti: Francesco Stefanachi, di 30 anni, Marino Massari, di 27 anni, Vito Antonio Zotti, di 37 anni, Giuseppe Lavopa, di 34 anni, Simone Schingaro, di 51 anni, Nicola Abbrescia, di 33 anni, Matteo Ranieri, di 34 anni e Vincenzo Cicinato, di 26 anni.

Schermata 2017-06-24 alle 14.44.09