aumento esportazioni italia, boom export, cresce export, dati export italia, export italia, istat export

La stima preliminare corretta per gli effetti di calendario dell’Istat ha evidenziato una crescita del Pil italiano nel secondo trimestre del 2017. Il dato segna un aumento dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,5% rispetto al secondo trimestre 2016.

La crescita tendenziale è la più alta registrata da sei anni, ovvero dal 2011 quando l’incremento era stato del 2,1%. Il secondo trimestre ha avuto tre giornate lavorative in meno del trimestre precedente e due in meno del secondo trimestre 2016. La variazione congiunturale è sintesi di un aumento dell’industria e dei servizi, che hanno un “andamento omogeneo, con i servizi che mantengono un tasso di crescita importante” e di un calo dell’agricoltura.

Dal lato della domanda, si registra un apporto positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un limitato contributo negativo della componente estera netta. “Manteniamo un tasso di crescita consistente e persistente“, scrive l’Istat. Esulta il premier Paolo Gentiloni: “Istat: crescita 2017 prevista a +1,5%. Meglio delle previsioni. Una buona base per rilanciare economia e posti di lavoro”.

Soddisfatto anche l’ex premier Matteo Renzi, che commentando i dati dice: “Il tempo è galantuomo. La strategia di questi anni produce risultati. Scommettere sulla crescita, non sul declino“.