Erano 8 all’origine i candidati alla presidenza della Regione Siciliana, adesso, a meno di un mese dal voto, sono scesi a 5.

Il listino regionale di Franco Busalacchi, candidato alla presidenza della Regione siciliana per il movimento ‘Noi siciliani-Sicilia libera e sovrana’ è stato escluso dall’ufficio elettorale presso la Corte d’appello di Palermo.

L’esclusione del listino fa decadere tutte le liste provinciali. Busalacchi oggi  presenterà ricorso.

L’ufficio elettorale contesterebbe la validità di circa 1.300 delle oltre 1.800 firme raccolte dal movimento ‘Noi siciliani’ a supporto del listino del presidente, cui sono collegate le liste provinciali. L’ufficio elettorale non avrebbe invece contestato le firme raccolte per la lista di Palermo.

L’ufficio elettorale presso la Corte d’appello di Palermo ha ricusato anche i listini regionali di altri due candidati a governatore: Piera Lo Iacono della lista civica ‘Per il lavoro’ e Pierluigi Reale di Casa Pound.

In corsa per la presidenza rimangono: Nello Musumeci per il centrodestra, Giancarlo Cancelleri per il M5s, Fabrizio Micari per il centrosinistra, Claudio Fava per la sinistra e Roberto La Rosa per gli indipendentisti di ‘Siciliani liberi’.