città verdi, classifica città green, classifica città verdi, classifica Rapporto Ecosistema Urbano 2017, Mantova città verde, Rapporto Ecosistema Urbano 2017

È Mantova la città più virtuosa ed ecosostenibile d’Italia. Lo rivela Legambiente nel suo Rapporto Ecosistema Urbano 2017 secondo il quale nel nostro paese si usano ancora troppe auto, si spreca molta acqua e si gestiscono male i rifiuti. Ma complessivamente l’aria migliora e la gestione differenziata galoppa.

Dietro il capoluogo di provincia lombardo si piazzano Trento e Bolzano. Migliorano anche Bologna, Milano e Firenze, mentre Roma resta tra gli ultimi posti della classifica (88esima). Maglia nera, al 104esimo posto, è Enna. Per Mantova si tratta comunque di una conferma, nella classifica stilata nel 2016 era terza.

L’indagine di Legambiente e Ambiente Italia, elaborata su dati 2016, si basa su 16 parametri divisi in 6 macroaree: Aria, Acqua, Rifiuti, Energie rinnovabili, Mobilità e Ambiente Urbano. Bologna sale 34 gradini e si ritrova 22ª, Milano ottiene addirittura un più 42 risalendo fino al 31° posto, e Firenze – che era 67ª – è ora 51ª.

Sei località confermano una posizione tra le ultime dieci, cioè dal 95° al 104° posto: oltre a quattro siciliane (Palermo, Catania, Agrigento, Siracusa) ci sono una laziale (Frosinone) e una campana (Caserta). Vibo Valentia, invece, risale dall’ultima alla 91ª piazza. Al 96° posto compare la toscana Massa e al 102° c’è un’altra laziale, Viterbo.

I dati della qualità dell’aria mostrano un lieve miglioramento con meno emissioni inquinanti. Male invece il consumo dell’acqua che passa a oltre 200 litri per abitante al giorno di acqua potabile (probabilmente riconducibili a utenze non soltanto domestiche ma contabilizzate come tali).

Le più “assetate” risultano essere Verona, Cosenza, Milano, Treviso, Pavia, Chieti, Monza, Sondrio. I consumi più bassi si registrano, invece, a Oristano (95,7 litri/abitante/giorno), Agrigento (107), Sassari e Perugia (115). La raccolta differenziata sta invece  entrando definitivamente nell’uso comune, con un valore medio del 47,42% (+2% sul 2016). Cresce però la produzione procapite di immondizia. Nei comuni capoluogo ogni abitante produce 536 kg, rispetto ai 530 kg della precedente rilevazione.