Un'infinita battaglia post divorzio

Berlusconi, stop all’assegno mensile all’ex moglie
La donna dovrà restituirgli 60 milioni di euro

di . Categoria: Cronaca

candidabilità berlusconi, corte europea berlusconi, processo berlusconi candidabilità, processo strasburgo berlusconi, strasburgo

Berlusconi non dovrà più versare la “modica” cifra di 1,4 milioni di euro all’ex moglie Veronica Lario. Anzi, sarà lei a dovergli restituire ben 60 mln di euro, ovvero quanto percepito da marzo 2014. La decisione è stata presa dalla Corte d’Appello di Milano, che ha accolso il ricorso presentato dall’ex premier.

Lo scorso aprile la Lario era riuscita a far pignorare dal conto del Cavaliere una somma pari a 26 milioni. Berlusconi aveva poi presentato istanza di applicare la sentenza dello scorso maggio sull’assegno di divorzio della Cassazione, secondo la quale conta il criterio dell’autosufficienza economica e non il tenore di vita avuto durante il matrimonio.

“La Prima sezione civile – si legge nella nota della sentenza 11504 – ha superato il precedente consolidato orientamento, che collegava la misura dell’assegno al parametro del tenore di vita matrimoniale, indicando come parametro di spettanza dell’assegno, avente natura assistenziale, l’indipendenza o autosufficienza economica dell’ex coniuge che lo richiede”. Il Cavaliere aveva sostenuto che l’ex moglie fosse autosufficiente, con 16 milioni di liquidità, gioielli e società immobiliari. Un’infinita battaglia post divorzio che sembra avere avuto finalmente una tregua.

 

 

16 novembre 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO







LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news