kevin e dazz

Sono salvi Kevin e Dazz, i pastori belga che hanno protetto i militari inglesi in Afghanistan. Per anni hanno combattuto fianco a fianco dei loro compagni umani nella provincia di Helmand e il loro fiuto li ha salvati in più di un’occasione, scovando mine ed esplosivi nascosti. Nel 2013, quattro anni fa, sono stati mandati in pensione e ospitati in un centro specializzato nel Leicestershire.

Poi dopo la notizia: Kevin e Dazz saranno soppressi. “Non possono essere affidati a nessuna famiglia, sono pericolosi”, hanno detto le autorità. I militari che hanno lavorato per mesi con i due pastori belga si sono subito ribellati alla decisione e si sono appellati al Defence Animal Centre. «Le persone che hanno lavorato a stretto contatto con questi cani sono devastati dalla notizia che i due animali verranno uccisi. Non esiste un protocollo per decidere se ex cane militare deve essere soppresso o no – hanno spiegato -. Il comandante decide e basta. È un modo terribilmente crudele di trattare animali che hanno dato così tanto. Faremo qualsiasi cosa per salvarli”.

La petizione per salvare Kevin e Dazz

All’appello è seguita una petizione per chiedere la salvezza di Kevin e Dazz. Il popolo britannico ha sposato fin da subito l’iniziativa e sono state raccolte ben 370mila firme. La protesta è arrivata fin al Ministero della Difesa britannico: il ministro degli esteri Alan Duncan ha chiesto al ministro della difesa chiedendo il suo intervento affinché venisse bloccata l’ingiusta condanna a morte di Kevin e Dazz.

Il ministro della difesa ha fatto sapere che ai due pastori belga, e un terzo cane di nome Driver, verrà salvata la vita: “Sono cani eroi che hanno combattuto senza paura al fianco dei nostri soldati”. E ha aggiunto: “Ci sforzeremo di trovare loro una casa al termine del loro servizio. Ma purtroppo non è sempre possibile”.