Svolta nel caso dell’avvelenamento da tallio, che ha causato la morte di tre persone e il ricovero di cinque a Nova Milanese, in provincia di Monza. Durante il sopralluogo effettuato dai carabinieri, sono state trovate infatti tracce di tallio in una tisana priva di marca e senza alcuna indicazione sulla provenienza. A effettuare gli esami del campione prelevato i tecnici dell’Agenzia tutela salute per la provincia di Monza e Brianza.

Fu la consistente presenza di tallio a causare l’avvelenamento e il successivo ricovero di Alessio Palma e Maria Lina Pedon, coniugi ultraottantenni, e di altre persone. Nella loro famiglia si erano già registrati tre casi di decesso per avvelenamento.

L’esame del campione prelevato ha dato esito positivo al tallio ed è stato eseguito a Torino all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Piemonte Liguria e Valle d’Aosta. Sono subito scattate le verifiche per capire chi avrebbe potuto preparare quel mix mortale.