Peter Martins, 71 anni, potente leader del leggendario New York City Ballet che ha forgiato per oltre trent’anni, dopo varie accuse di molestie sessuali e abusi fisici e verbali che risalirebbero sino al 1993,ha deciso di ritirarsi. A darne notizia è il New York Times.

“Ho negato e continuo a negare di essere stato coinvolto in tali cattive condotte”, ha scritto nella sua lettera di dimissioni.

Tra le danzatrici, le opinioni sono diverse. C’è chi lo accusa e chi lo difende. 

Martins, di nazionalità danese, da primo ballerino divenne codirettore della compagnia nel 1983, anno al quale risalgono le prime accuse. Nel 1989 ottenne l’incarico di direttore dell’istituzione.

Le indagini hanno avuto inizio dopo una lettera anonima, seguita poi dalle denunce di una ventina di ballerini e ballerine, che hanno parlato di abusi verbali e fisici. Martins è anche accusato di avere abusato del suo potere per ottenere favori sessuali da alcuni di loro.