Rifiuti Sicilia, Musumeci lancia l’allarme | “Situazione grave che si trascina da 20 anni”

di Redazione

» Cronaca » Rifiuti Sicilia, Musumeci lancia l’allarme | “Situazione grave che si trascina da 20 anni”

Rifiuti Sicilia, Musumeci lancia l’allarme | “Situazione grave che si trascina da 20 anni”

| mercoledì 03 Gennaio 2018 - 11:57
Rifiuti Sicilia, Musumeci lancia l’allarme | “Situazione grave che si trascina da 20 anni”

La situazione è assai grave, la regione non ha un piano ordinario di gestione dei rifiuti e per questo l’Ue non ha assegnato i fondi”. Sono queste le prime parole del governatore siciliano Nello Musumeci sull’emergenza rifiuti dell’isola. “Noi portiamo in discarica l’80% dei rifiuti, altre regioni ne portano il 4% grazie alla differenziata”. 

Secondo Musumeci la competenza è delle società nell’ambito dei comuni, ma al contempo chiede: “Che fine ha fatto il catasto dei rifiuti?”. “L’emergenza è strutturata e questa situazione appare difficilmente superabile. Bellolampo ormai è a un vero e proprio punto di non ritorno. La prossima settimana incontrerò Gentiloni”. 

“È previsto un incontro con i responsabili ed un’azione ispettiva per accertamento delle responsabilità – spiega il governatore – non si gioca col danaro pubblico”. “Oggi – continua Musumeci – tutte le discariche sono al limite. Domani stesso ci sarà la dichiarazione di emergenza ambientale a Bellolampo”. 

I prossimi passi? “Riformare la legge 9/2010 così da assegnare le competenze su acqua e rifiuti alle province. C’è da dire inoltre che il Po Fesr stanziava 349 milioni di euro con una spesa certificata di 160 milioni di euro. È un problema che si trascina da 20 anni e chi doveva fare il suo dovere non l’ha fatto”. 

“Entro gennaio bisogna quindi trovare una soluzione per dimezzare la quantità di rifiuti in discarica e smaltire l’altra metà – spiega il governatore – Da irresponsabili aver fatto finta di niente per 20 anni. Il danno d’immagine per la Sicilia è immenso”. 

La priorità del governo è “la legge sul potenziamento delle competenze delle province“, nel frattempo “cerco di capire perché Enna è chiusa e a Messina ancora dopo 4 anni l’appalto dei lavori è stato dato qualche giorno fa. In Sicilia non è mai stato realizzato un piano di bonifica delle discariche. Lancio quindi un appello ai sindaci: è una sfida di civiltà, serve l’aiuto di tutti”. 

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820