Cutrone braccio, deviazione Cutrone, Milan Cutrone provvedimento, provvedimento Cutrone, squalifica Cutrone

Nel posticipo domenicale della ventiseiesima giornata di Serie A, il Milan passa sul campo della Roma, centrando una vittoria molto importante in ottica Europa. Decisive le reti di Cutrone e Calabria nel secondo tempo, deludono i giallorossi. Queste le pagelle del match, a cura della redazione di Sì24. 

ROMA

Alisson 6,5: mai impegnato nel primo tempo e incolpevole in occasione del gol di Cutrone. 

Bruno Peres 5,5: quasi sufficiente per larghi tratti di gara, ha sulla coscienza il mancato fuorigioco sul raddoppio del Milan.  

Manolas 5: perde colpevolmente di vista Cutrone sul gol del vantaggio, tanti errori nei passaggi più basilari. 

Fazio 6: dei due centrali è il più dotato in fase di impostazione, e complessivamente è anche il più ordinato del reparto. 

Kolarov 5: in enorme difficoltà quando Suso si scatena nella ripresa, dalla sua zona nascono tutte le azioni più pericolose del Milan. 

Pellegrini 5,5: in netto calo di rendimento, sbaglia tanto nelle due fasi ed è costretto a chiedere il cambio per un problema muscolare (dal 35′ s.t. Gerson s.v.).

Strootman 6: si cala nuovamente nei panni di regista davanti alla difesa, con una prestazione sicuramente più solida di tanti suoi compagni. 

Under 5,5: dopo una serie di partite da protagonista, un passaggio a vuoto per il giovane turco può anche essere giustificato (dal 29′ s.t. Defrel 5,5: ci prova, ma non riesce mai a incidere). 

Nainggolan 5: ancora una volta poco incisivo, sembra non riuscire a innestare le marce alte, come se le voci sul trasferimento in Cina e il caso di Capodanno gli avessero tolto tutte le energie (dal 19′ s.t. Dzeko 5,5: prova a dare una mano nel momento di difficoltà, ma continua sull’onda lunga delle ultime partite).

Perotti 5,5: dei tre trequartisti è quello che ci prova di più, sia con iniziative personali che cercando i compagni, ma non trova mai il guizzo giusto. 

Schick 6: rispolverato dal primo minuto, mostra lampi da grande giocatore, ma solo a sprazzi. 

All. Di Francesco 5: ancora una volta, la sua squadra buca un big match. Prova a rivoluzionare la squadra, ma esce scottato. 

 

MILAN

Donnarumma 6: quasi mai impensierito dai pochi e disordinati assalti giallorossi, si mostra pronto quando deve uscire su Schick. 

Calabria 7: in pieno magic moment, non soffre un cliente scomodo come Perotti e firma il raddoppio con un tocco sotto da attaccante vero. 

Bonucci 6,5: compie un intervento importante su Schick nel primo tempo, in generale è sempre una sicurezza per il reparto.

Romagnoli 7: in una partita per lui sempre complicata per questioni ambientali, è un muro invalicabile per gli attaccanti della Roma. 

Rodriguez 6: non fa mai nulla di trascendentale, ma dal suo sinistro prende il via l’azione del vantaggio. Copre con ordine su Under. 

Kessié 6,5: confusionario come al solito, ma il suo strapotere fisico in mezzo al campo si fa sentire, eccome. Il simbolo di questa rinascita rossonera. 

Biglia 6,5: molto ordinato e composto rispetto ai compagni di reparto, offre grande protezione alla linea difensiva agendo da schermo. 

Bonaventura 6: non brilla come in altre prestazioni, ma è sempre un appoggio importante per risalire il campo e controllare palloni sporchi (dal 45′ s.t. Montolivo s.v.). 

Suso 7: attende 45′ per trovare l’ispirazione, ma ancora una volta è dal suo sinistro che partono le azioni pericolose. Palla al bacio per il vantaggio di Cutrone, quando si accende lui è un altro Milan (dal 34′ s.t. Borini s.v.). 

Cutrone 7: piazza ancora una volta la zampata vincente, mostrando il killer instinct che lo sta rendendo sempre più una realtà (dal 27′ s.t. Kalinic 6,5: entra a partita in corso e gioca alla grande per la squadra). 

Calhanoglu 5,5: non cattura l’occhio, e in certe occasioni potrebbe essere più incisivo in area avversaria. 

All. Gattuso 7: condottiero di una squadra ritrovata, porta i suoi a sognare una Champions League che un paio di mesi fa era solo utopia.