“Si trattava del provino per uno dei miei primi film. Mi è stato detto da un regista di togliermi la camicia e mostrare il seno. Ma io non l’ho fatto. Ero inesperta, ma sapevo che quel comportamento non era giusto”. In un periodo denso di confessioni da parte di star, attrici e cantanti, anche Jennifer Lopez dà la sua testimonianza alla rivista Harper’s Bazaar, raccontando un episodio avvenuto negli anni 90. Durante un provino con un regista, di cui non fa il nome, alla cantante e attrice fu chiesto di spogliarsi, mostrando il seno. Alla richiesta seguì un rifiuto e oggi Jennifer Lopez ammette di essere rimasta segnata dal fatto.

Molestie sessuali, Jennifer Lopez si racconta

“Non ho subito abusi nel modo in cui alcune donne hanno denunciato negli ultimi tempi – ha detto ricollegandosi a quanto accaduto a molte sue colleghe -.Quando ho risposto che non l’avrei fatto, ero terrorizzata. Ricordo che il mio cuore batteva forte nel mio petto.” Poi qualche dubbio è subentrato. “Ma cosa ho fatto? – mi sono chiesta – Quest’uomo mi sta dando un lavoro!”.

“E poi qualche dubbio è subentrato…”

La cantante, ammette, di avere avuto qualche ripensamento, soprattutto perchè si trattava di un’importante proposta di lavoro. “Certo, si trattava di uno dei miei primi film. Ma nella mia mente ero certa che quel tipo di comportamento non era giusto. So benissimo che sarebbe potuta andare a finire in un altro modo, ma alla fine penso che lo spirito del Bronx dentro di me mi abbia ricordato che noi certe cose non le facciamo” .