il_piccolo_principe

“Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”. Citazione che riporta alla mente una delle opere più celebri e amate, ‘Il Piccolo Principe‘, scritto dall’aviatore francese Antoine de Saint-Exupéry. A 74 anni dalla sua nascita, ‘Il Piccolo Principe’ continua ad emozionare milioni di lettori nel mondo, grandi e piccoli, affrontando in maniera semplice e poetica temi importanti come l’amore, l’amicizia e il senso della vita, attraverso la storia di un bambino incontrato da un pilota d’aerei (ossia l’autore), dopo essere precipitato nel deserto del Sahara.

La prima edizione esce in lingua inglese il 6 aprile 1943 negli Stati Uniti, dove de Saint-Exupéry si trovava in esilio durante la Seconda Guerra Mondiale. ‘Il Piccolo Principe’, successivamente tradotto da Katherine Woods, viene pubblicato dalla casa editrice newyorkese Reynal & Hitchcock. Uscirà solo nel 1946 in Francia.

Da allora ‘Il Piccolo Principe’ è stato tradotto in 253 lingue e dialetti e stampato in più di 134 milioni di copie, diventando un vero e proprio best seller.

‘Il Piccolo Principe’, la trama

 “Mi disegni una pecora?”, questa la prima richiesta che il Piccolo Principe fa al pilota. Da qui si sviluppa il racconto, e in ogni capitolo il protagonista, proveniente dal lontano asteroide B-612, incontra diversi personaggi bizzarri. Dal re solitario al vanitoso, dall’ubriacone all’uomo d’affari, dal lampionaio al geografo, che lo convincono sempre più della stranezza dei ‘grandi’. Dopo essere atterrato sulla Terra, il protagonista scopre che la sua amata rosa non è l’unica dell’Universo.

‘Il Piccolo Principe’, il significato

‘Il Piccolo Principe’ è un misterioso bambino proveniente da un piccolissimo pianeta, il B-612. Con tanta voglia di conoscere gli esseri umani e le loro abitudini, il protagonista della storia giunge in una regione lontana e disabitata. Semplicità, capacità di arrossire e innocenza fanno del Piccolo Principe il ‘bambino interiore’ che si cela in ogni uomo, e al quale non presta quella attenzione che piuttosto meriterebbe.

Inoltre, il best seller scritto da Antoine de Saint-Exupéry contiene degli episodi incredibili ma significativi. A partire dall’incontro col pilota, con cui il Piccolo Principe crea un vero e proprio legame di amicizia. Il pilota è una figura simbolica, un personaggio dal coraggio innato, che non si spaventa di trovarsi nell’immensità del deserto e, nonostante la solitudine, non si perde mai d’animo e cerca di uscire da quella situazione.

Altro episodio fondamentale è il confronto con la volpe. L’animale, dopo aver studiato il Piccolo Principe, gli esterna il desiderio di essere ‘addomesticato’. Dietro il termine ‘addomesticazione’ si cela un significato profondo: conoscere una persona richiede tatto e pazienza. Un’indubbia lezione morale quella che impartisce ‘Il Piccolo Principe’, in una società in cui le relazioni umane sono divenute precarie e instabili.

‘Il Piccolo Principe’, le citazioni più importanti

  • Non ti chiedo miracoli o visioni, ma la forza di affrontare il quotidiano. Preservami dal timore di poter perdere qualcosa della vita. Non darmi ciò che desidero ma ciò di cui ho bisogno. Insegnami l’arte dei piccoli passi…
  • “Se tu vuoi bene ad un fiore che sta in una stella, è dolce, la notte, guardare il cielo. Tutte le stelle sono fiorite”.
  • “È molto più difficile giudicare se stessi che gli altri, se riesci a giudicarti bene è segno che sei veramente un saggio”.
  • “Amare non è guardarsi a vicenda, ma guardare nella stessa direzione!”.
  • “Non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”.
  • “È il tempo che si è perduto per una persona a determinare la sua importanza”.