Allegri Massimiliano, Juventus, Champions League

Sempre la solita, maledetta, inconquistabile Champions League: una Juventus che ha fatto di questa competizione il proprio incubo, quando vincerla ed alzarla al cielo doveva essere il sogno incantato per club e tifosi.

Una Champions che divide le strade, nella sua impossibilità di conquistarla, di Allegri e la Juventus: un Real Madrid che trionfa allo Stadium, che di fatto ipoteca l’accesso alle semifinali già nella gara d’andata, e una vecchia Signora che risponde a queste difficoltà europee con l’esigenza d’un ricambio totale, che coinvolga lo staff ed alcuni giocatori in rosa.

Possibile dunque che già a giungo, tra Allegri e la Juve, si chiuda un ciclo che di conseguenza porti il tecnico livornese su un’altra panchina: il Chelsea si è fatto avanti palesando il proprio interesse per Allegri, ormai le cose fra Conte ed Abramovič non vanno più tanto bene.
Il sequel della prima stagione è già pronto: Max che riscalza Antonio Conte, un film già visto e che si ripete, ma dal finale aperto, da vivere e gustare fino al punto conclusivo della storia.

E se Allegri restasse?

Non è mai facile tagliare un rapporto, stroncarlo dopo svariati successi che anche questa stagione potrebbero arricchire la bacheca della Juventus: i bianconeri sono primi in campionato e finalisti in Coppa Italia.
Tutto questo grazie anche, e soprattutto, al lavoro di Max Allegri che per restare in bianconero, però, esige un ricambio generazionale dei giocatori a sua disposizione.

Buffon si ritirerà, Chiellini e Barzagli sono molto in là con gli anni e Marchisio risulta ai margini del progetto: Asamoah è fortemente corteggiato dall’Inter e Linchsteiner non sembra sia destinato a rimanere.

Inoltre Dybala e Pjanic sono due nomi caldi del calciomercato estivo, perché corteggiati dai club europei più blasonati: una cifra sconsiderata, per loro, potrebbe far vacillare la dirigenza bianconera.
Ma un addio del numero 10 argentino, ovviamente, permetterebbe l’arrivo di un giocatore con caratteristiche simili e di livello: Le Petit Diable Antoine Griezmann potrebbe essere la giusta soluzione al problema.

I giocatori da cui ripartire

Caldara e Spinazzola, i due giocatori atalantini di proprietà della Juventus, sono due capisaldi da cui ripartire. Emre Can, talentuoso centrocampista tedesco del Liverpool, è uno dei nomi più interessanti del mercato estivo in ottica Juve: occhio anche a Darmian, che Allegri vorrebbe fortemente in rosa per sistemare l’out di destra.

Bonaventura e Milinkovic Savic sono due nomi che il tecnico vorrebbe fortemente per arricchire il suo centrocampo: anche il giovane Pellegrini, che bene sta facendo con la Roma di Di Francesco, sembra essere in cima alla ricca lista dei desideri di Max Allegri.