dichiarazione dei redditi precompilata, Agenzia delle entrate, Fisco, Inps, modello 730, tasse, boom accessi per precompilata, crescono accessi dichiarazione dei redditi precompilata, novità dichiarazione dei redditi precompilata, tempi dichiarazione dei redditi 2018,

Crescono gli accessi dei contribuenti per la nuova dichiarazione dei redditi precompilata. L’Agenzia delle entrate ha registrato un aumento del 45% rispetto all’anno scorso. Nelle prime sei ore di lunedì, quando il modello è stato messo online, ci sono stati 218 mila accessi a fronte del 150 mila del 2017. A favorire la crescita, l’indicazione personalizzata dell’impiego delle tasse pagate lo scorso anno.

Boom di accessi per il 730 precompilato

L’accesso online alla propria dichiarazione precompilata è semplice: basta avere lo Spid, il sistema pubblico per l’identità digitale, oppure il Pin rilasciato dall’Agenzia delle entrate e dall’Inps. Coloro che dovessero incontrare difficoltà, possono sempre rivolgersi ad un Caf o un commercialista.

Sono tanti i vantaggi della nuova precompilata. I sistemi di comunicazione dei dati gestiti dalla Sogei per l’Agenzia delle entrate consentono di far trovare al contribuente già scritte sul proprio 730 tutte le detrazioni di imposta e le deduzioni d’imponibile, ovviamente in base alle informazioni disponibili. Oltre alle spese sanitarie – comunicate direttamente da farmacie, studi medici, cliniche e ospedali –  i bonifici per le ristrutturazioni edilizie, le spese per le assicurazioni e le tasse sanitarie, quest’anno è possibile trovare anche le rette per gli asili nido.

I contribuenti hanno ancora tempo per la dichiarazione il 730, infatti, si può modificare e inviare dal 2 maggio al 23 luglio. Le modifiche al modello Redditi potranno farsi dal 2 maggio e inviare tutto dal 10 maggio al 31 ottobre. Chi non avesse ancora la password, dovrebbe fare richiesta a breve all’Agenzia delle entrate o all’Inps, perché metà codice viene spedita a domicilio per posta e questo potrebbe richiedere tempo.