Il NY Times rivela lo scontro Trump-Mattis sui raid in Siria

di Andrea Profeta

» Cronaca » Il NY Times rivela lo scontro Trump-Mattis sui raid in Siria

Il NY Times rivela lo scontro Trump-Mattis sui raid in Siria

| mercoledì 18 Aprile 2018 - 16:23
Il NY Times rivela lo scontro Trump-Mattis sui raid in Siria

L’inimicizia tra Donald Trump e il New York Times non è, certamente, una novità. Ma, oggi, aumenta la posta in gioco. E Manhattan fa guerra al Tycoon, mirando direttamente ai raid aerei in Siria di domenica scorsa. Il Times, infatti, rivela il (presunto) scontro in merito ai missili che, il 15 aprile, avrebbe contrapposto la Casa Bianca al Pentagono.

James Mattis, segretario alla Difesa, avrebbe esortato il presidente a ottenere l’approvazione di Capitol Hill prima di procedere con qualunque azione militare. Ma, secondo la Cooper (corrispondente al Pentagono per il Times), Trump ha respinto un’istanza che avrebbe rallentato (se non impedito) una risposta “rapida e drammatica”.

Lo scontro e l’accordo tra Trump e il Pentagono

Il presidente degli Stati Uniti d’America non poteva permettersi di non supportare con l’azione i suoi tweet. “I suoi bellicosi tweet”, precisa la Cooper sul NY Times. Il Pentagono, tuttavia, avrebbe frenato Trump, avvertendo che una manovra eccessivamente aggressiva avrebbe, senza dubbio, scatenato le rappresaglie del Cremlino. E innescato, quindi, una escalation di violenza. Trump e Mattis, dunque, dovettero giungere ad un compromesso. E l’accordo sarebbe stato trovato sul numero di obiettivi. Raid mirati a 3 soli bersagli, nessun rischio per le truppe russe, nessun tentativo di colpire le unità militari siriane ritenute responsabili del (famigerato) attacco chimico del 7 aprile. Così Pentagono e Casa Bianca si sarebbero stretti la mano, senza coinvolgere il Congresso.

Il Times prosegue. Tra Trump e Mattis, ormai, si è aperta una frattura. Forse insanabile. Il Tycoon ha, peraltro, fatto cadere la testa del generale H. R. McMaster, consigliere per la sicurezza nazionale definito dalla Cooper come una sorta di buffer (ossia un cuscinetto) tra Trump e il segretario alla Difesa. Ormai, McMaster è stato allontanato e, tra Trump e Mattis, secondo il Times, è guerra aperta.

BasharJaafari smentisce l’ingresso degli ispettori OPAC a Duma

Da Damasco, intanto, l’ambasciatore siriano all’ONU smentisce le notizie di ieri. Nessun ispettore OPAC sarebbe ancora entrato a Duma, il sobborgo della capitale siriana che, lo scorso 7 aprile, sarebbe stato teatro della strage. L’ambasciatore BasharJaafari precisa che ieri si è svolto semplicemente un sopralluogo, effettuato da un team delle Nazioni Unite e mirato a stabilire se sussitono le condizioni minime necessarie per consentire l’accesso agli ispettori.

Ennesima conferma, dunque, della validità delle informazioni che provengono dalla Siria. Qualcuno lo definisce già il ‘giallo di Duma‘ e si domanda cosa abbia trattenuto gli esperti dall’entrare in Ghuta orientale. Probabilmente, si è trattato di mine poste lungo il percorso che avrebbero scoraggiato l’ingresso degli ispettori. L’indagine, ad ogni modo, è delicatissima. Gli occhi del mondo sono puntati sull’OPAC a cui bastano poche parole per legittimare – o per condannare – il discusso attacco congiunto di USA, Francia e Regno Unito. E Parigi già ieri ha previdentemente giocato la carta della possibile sparizione di prove da Duma. Ad opera di Assad, naturalmente.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820