LeBron James Cleveland Cavaliers

Dopo quattro episodi delle rispettive serie, Raptors-Wizards e Cavaliers-Pacers sono sul 2-2, e di conseguenza si giocheranno l’accesso al secondo turno dei playoff NBA alla vecchia maniera, con una miniserie al meglio delle tre partite. Decisive, nella notte, le prestazioni di John Wall e LeBron James, che hanno consentito alle rispettive franchigie di riportare lo score in parità.

Washington Wizards-Toronto Raptors 106 – 98 (2 – 2)

Mai sottovalutare John Wall e Bradley Beal. Dopo una partenza ad handicap, in gara-4 come nella serie, sembrava difficile poter pronosticare dei Wizards sul 2-2 al termine delle prime quattro partite, ma le due stelle della franchigia della capitale federale hanno messo sul parquet tutta la loro frustrazione e voglia di rivalsa, trascinando di peso i compagni verso una vittoria che incrina le certezze dei Raptors. Nel finale in volata, con Beal espulso per falli, è stato Kelly Oubre jr a supportare il numero 2, con dei tiri liberi pesanti, mentre dall’altra parte i canadesi pagavano le forzature al tiro di DeMar DeRozan

Indiana Pacers-Cleveland Cavaliers 100 – 104 (2 – 2)

Vecchi, inadeguati, costruiti male. Se ne sono dette – giustamente – tante sui Cleveland Cavaliers, ma quando hai in squadra LeBron James, non parti mai sconfitto in partenza. Ancora una volta King James ha aggiunto un tassello in più alla sua straordinaria carriera nei playoff, giocando 46 dei 48 minuti ed esercitando tutta la sua leadership per guidare al successo dei compagni ancora piuttosto intimoriti, basti pensare alle prestazioni scialbe dei vari Clarkson e Hood. Dall’altra parte, una grande occasione persa per Indiana, che ha forzato troppo nell’affidare sempre il pallone in mano a Oladipo, costantemente raddoppiato in maniera più efficace rispetto a gara-3. Cleveland si riprende così il fattore campo, e adesso avrà due delle ultime tre gare in casa.