Aggiornato alle: 07:56

Formula 1, Hamilton trionfa a Baku davanti a Raikkonen. Beffa Vettel

di Redazione

» Altri Sport » Formula 1, Hamilton trionfa a Baku davanti a Raikkonen. Beffa Vettel

Formula 1, Hamilton trionfa a Baku davanti a Raikkonen. Beffa Vettel

| domenica 29 Aprile 2018 - 15:58
Formula 1, Hamilton trionfa a Baku davanti a Raikkonen. Beffa Vettel

Un GP dell’Azerbaijan pirotecnico, come non se ne vedevano da un po’. Tra incidenti, liti fratricide e interventi della safety car, sul circuito di Baku, lo spettacolo è stato costante, così come le emozioni, dall’inizio alla fine. A spuntarla, quasi incredulo, Lewis Hamilton, che ha approfittato dell’uscita di scena del compagno di scuderia Bottas e dell’errore di Vettel nel finale, per trovare il primo successo stagionale, davanti a Kimi Raikkonen. Giù dal podio l’altro ferrarista, anticipato da un ottimo Sergio Perez. 

Subito scintille per Kimi

Pronti, via e sono subito fuochi d’artificio, con Raikkonen e Ocon che vanno a contatto nelle primissime curve. Ha la peggio il driver francese, che deve abbandonare la gara, mentre il ferrarista è costretto a tornare ai box per cambiare l’ala. Anche Fernando Alonso, nel primo giro, è vittima di un contatto che lo obbliga ad arrivare ai box con due sole ruote in condizioni accettabili. Nel frattempo, però, il regime di safety car mantiene le distanze congelate, e Sebastian Vettel è fulmineo nel mettere un po’ di spazio tra sé e Hamilton.

Show Red Bull

Alle spalle delle prime posizioni (e di uno splendido Sainz), Ricciardo e Verstappen danno vita a una battaglia senza esclusione di colpi, con una serie di contatti che fanno emozionare i tifosi e preoccupare Chris Horner e soci al box. Entrambe le Red Bull, però, sono molto più lente della concorrenza, e si staccano in maniera netta dalla testa della corsa, a causa di un problema di carattere elettrico alla batteria, che non recupera in maniera veloce. Intanto, Kimi Raikkonen risale, scavalcando Stroll e l’ottimo Leclerc, mettendo nel mirino proprio le Red Bull, mentre Sainz alza bandiera bianca. 

Disastro Ricciardo-Verstappen

Vettel, dal canto suo, allunga su Bottas e su un Hamilton in difficoltà, martellando sull’acceleratore e posticipando i tempi del primo pit stop, effettuato al trentesimo giro. Da quel momento in poi, però, l’andamento del ferrarista è altalenante, e Hamilton riesce ad avvicinarsi con una serie di giri veloci, mentre Bottas gira da solo in testa, rimandando il più possibile la sosta. A scombinare ulteriormente le carte in tavola, il solito Max Verstappen: l’olandese procede a esse sul rettilineo, per togliere la scia a Ricciardo, che lo sperona nel tentativo di sorpasso, costringendo la direzione gara a chiamare un nuovo intervento della safety car. Bottas a quel punto si ferma, così come Vettel, e il finlandese si mantiene in testa alla gara. Come se non bastasse, a complicare la situazione, Grosjean centra il muro nel tentativo di scaldare le gomme, allungando l’attesa. 

Azzardo Vettel, salta Bottas

La safety car dà il via libera a quattro giri dal termine, e Sebastian Vettel tenta il tutto o per tutto attaccando Bottas: il tedesco, però, finisce lungo, a causa di una gomma troppo fredda, cedendo la posizione a Hamilton e Raikkonen. Lo stesso Bottas, un giro dopo, salta a causa di una foratura, e il compagno di squadra, quasi inaspettatamente, si prende la testa della corsa, dovendo condurre solo la nave in porto per centrare il primo successo stagionale. 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820