Rugbista morta: genitori consentono espianto degli organi

di Redazione

» Altri Sport » Rugbista morta: genitori consentono espianto degli organi

Rugbista morta: genitori consentono espianto degli organi

| giovedì 03 Maggio 2018 - 11:50
Rugbista morta: genitori consentono espianto degli organi

“Lei avrebbe voluto così”. Con queste sintetiche parole Giuliano Braglia, il padre della 18enne rugbista morta in seguito ad un placcaggio, ha espresso la volontà di acconsentire all’espianto dei suoi organi presso l’Ospedale Bufalini di Cesena.

Cesena, il padre: “Non ci sono responsabilità”

Non ci saranno denunce, non c’è alcun sentimento di risentimento: tutto quello che poteva essere fatto per salvare la ragazza è stato fatto e solo una fatalità l’ha portata via. Non si può nemmeno parlare di un incidente di gioco”, ha affermato Giuliano Braglia.

La rugbista aveva cercato di placcare un’avversaria durante un match di Coppa Italia di rugby a 7, ma nel corso dell’azione era caduta all’indietro battendo la nuca. Inizialmente Rebecca si era rialzata e aveva ripreso a giocare per qualche altro minuto fino a quando non è crollata.

Immagine dal profilo Facebook di Rebecca Braglia

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820