Aggiornato alle: 18:28

Salvini: “Barcone con 450 clandestini non deve venire in Italia”

di Redazione

» Cronaca » Salvini: “Barcone con 450 clandestini non deve venire in Italia”

Salvini: “Barcone con 450 clandestini non deve venire in Italia”

| venerdì 13 Luglio 2018 - 17:03
Salvini: “Barcone con 450 clandestini non deve venire in Italia”

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini è deciso a mantenere la sua linea dura contro i migranti. Un altro barcone con a bordo 450 migranti si muove da acque maltesi verso l’Italia ma il vicepremier dice “no”.  La Farnesina ha invitato Malta a farsene carico ma sembra che il fatiscente barcone di legno, precedentemente segnalato in acque Sar (ricerca e soccorso) maltesi, abbia corretto la sua rotta verso Lampedusa entrando nella zona Sar italiana. 

La Farnesina: “Se ne faccia carico Malta”

La presenza di minori con “necessità di assistenza urgente” ha spinto la Farnesina ad invitare Malta ad ottemperare le proprie responsabilità, identificando il porto di sbarco, dei 450 migranti a bordo di un barcone, su territorio maltese, dal momento che il coordinamento è in capo al RCC di Malta.

Salvini: “Barcone con 450 clandestini non deve venire in Italia”

“Come promesso, io non mollo. Un barcone con 450 CLANDESTINI a bordo è da questa mattina in acque di competenza di Malta, che si è fatta carico di intervenire. A distanza di ore però nessuno si è mosso, e il barcone ha ripreso a navigare in direzione Italia. Sappiano Malta, gli scafisti e i buonisti di tutta Italia e di tutto il mondo che questo barcone in un porto italiano NON PUÒ e NON DEVE arrivare. Abbiamo già dato, ci siamo capiti?”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini sui profili twitter e Facebook.

Toninelli: “Non tocca a noi intervenire”

“Da alcune ore c’è un’imbarcazione con 450 persone a bordo che naviga nel Sar maltese – ha scritto Twitter il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli -. Per la legge del mare è Malta che deve inviare proprie navi e aprire il porto. La nostra Guardia Costiera potrà agire, se serve, in supporto, ma Malta faccia subito il suo dovere”. 

La strategia delle barche di legno

L’uso di barche di legno sembra essere la nuova tendenza utilizzata dai trafficanti di uomini dalla Libia. Secondo quanto riporta Malta Today, sarebbe questa la risposta dei malviventi al blocco dei porti alle Ong, accusate indirettamente di favorire il traffico illegale di uomini, mentre loro sostengono di salvare vite in mare. Già in passato erano state usate barche di legno per trasportare i migranti, più sicure dei gommoni utilizzati negli ultimi anni, seppure fatiscenti. Una possibilità in più, per tanti disperati, di raggiungere Malta o Lampedusa.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it