Ambulanza impegnata e Tac ferma: morte cerebrale per un 47enne

di Redazione

» Cronaca » Ambulanza impegnata e Tac ferma: morte cerebrale per un 47enne

Ambulanza impegnata e Tac ferma: morte cerebrale per un 47enne

| mercoledì 18 Luglio 2018 - 20:14
Ambulanza impegnata e Tac ferma: morte cerebrale per un 47enne

Tragedia in Molise. Un 47enne si trova in stato di morte cerebrale dopo aver atteso a Larino (Campobasso) l’ambulanza e il tentativo di ricovero a Termoli, dove la Tac era ferma per manutenzione. Per tentare di salvargli la vita, i soccorritori hanno portato l’uomo a San Giovanni Rotondo (Foggia). Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha inviato in Molise una task force, coadiuvata dai Nas, per indagare sulla vicenda: “Non è possibile morire per cattiva organizzazione”.

A Larino di recente il Punto di primo intervento dell’ospedale. I familiari dell’uomo che ha avuto un malore hanno chiamato il 118 ma l’ambulanza di Larino sembra fosse in quel momento impegnata in un altro intervento. Appena è arrivato il mezzo, i sanitari si sono diretti all’ospedale ‘San Timoteo’ di Termoli (Campobasso) ma nel nosocomio la Tac era in manutenzione programmata, quindi ferma per alcune ore. Si è deciso il trasferimento all’ospedale di San Giovanni Rotondo (Foggia), dove poi i medici hanno accertato la morte cerebrale dell’uomo.

Il ministro Grillo invia una task force

La task force di esperti “resterà in Molise – prosegue la nota del ministero della Salute – il tempo necessario ad acquisire documenti, atti e ogni elemento utile a fare completa chiarezza rispetto all’accaduto. L’episodio servirà a fare luce sul percorso di cura in ambito neurologico in Molise. Occorre accertare le inefficienze organizzative, le eventuali responsabilità personali degli operatori, ma anche gli eventuali errori causati da cattiva programmazione della politica regionale”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820