Versace passa nelle mani della Michael Kors. La casa di moda italiana è stata ha acquistata per 2 miliardi di euro. Non è chiaro, al momento, se la famiglia Versace rimarrà come socio di minoranza e Donatella Versace come direttrice creativa. Il fondo Blackstone, che attualmente detiene il 20% della maison, dovrebbe uscire dalla società.

Kors, che un anno fa ha rilevato anche Jimmy Choo per 1,2 miliardi di dollari, ora fa quindi il bis con la griffe fondata alla fine degli anni Settanta da Gianni Versace. Versace è controllata per l’80% da Givi, una holding la cui maggioranza (50%) è nelle mani di Allegra Versace Beck, il 20% in quelle di sua madre Donatella, direttrice dello stile, e il 30% in quelle dello zio Santo Versace, che aveva fondato l’azienda insieme al fratello designer Gianni nel 1978. Lo zio Gianni, morto assassinato a Miami nel luglio del 1997, lasciò la maggioranza ad Allegra.

Gli emoticon delle tre scimmiette, il cui significato è “non vedo, non sento, non parlo” è il modo scelto da Santo Versace per rispondere a un tentativo di contatto dell’agenzia Ansa. Versace è il presidente della casa di moda fondata dal fratello Gianni.