Aggiornato alle: 21:35

Caro benzina, magistrato fa scoppiare il caso Eolie

di Redazione

» Cronaca » Caro benzina, magistrato fa scoppiare il caso Eolie

Caro benzina, magistrato fa scoppiare il caso Eolie

| mercoledì 10 Ottobre 2018 - 07:52
Caro benzina, magistrato fa scoppiare il caso Eolie

Prezzo alle stelle per benzina e gasolio alle Isole Eolie, dove un litro di carburante arriva a toccare 2 euro.

A sollevare la questione e portarla all’attenzione del Garante ci ha pensato un magistrato messinese con casa a Lipari, Angelo Giorgianni, che ha presentato un esposto  all’Autorità garante della concorrenza e del mercato.

«A fronte dell’incontenibile aumento dei prezzi dei carburanti – ha detto Giorgianni – ho sentito il dovere civico di fare una specifica segnalazione. Ho fatto presente che a Lipari, Filicudi, Panarea e Stromboli non esiste la concorrenza, in quanto sembrerebbe che le stazioni di servizio siano riferibili alla stessa persona. Analoghe gestioni monopolistiche sembra esistano anche a Vulcano e Salina». «Ho chiesto –  ha concluso – di avviare un’istruttoria, anche in riferimento ad eventuali accordi tra i titolari dei distributori sui prezzi da praticare».

Il record lo detiene l’isola di Panarea: benzina 2,15, gasolio 2,10; Santa Marina Salina: 2,08, 1,89; Vulcano: 1,98, 1,87;  Filicudi, 1,95, 1,84; Stromboli: 1,95 e 1,84; Lipari, 1,91 e 1,82, Gpl 0,80. 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it