La missione “Bepi Colombo” diretta a Mercurio, lanciata con un Ariane 5 Eca dalla base europea di Kourou (Guyana Francese), è partita senza imprevisti. A coordinare le operazioni le agenzie spaziali di Europa (Esa) e Giappone (Jaxa), con un importante contributo italiano. La missione della sonda sarà quella di carpire i segreti del pianeta meno più vicino al Sole.

L’Ariane 5 si è alzato illuminando il cielo buio per poi sfrecciare ruotando verso Est per raggiungere la posizione ottimale sull’orbita che consentirà al veicolo nel quale sono assemblati tutti i moduli della missione Bepi Colombo, chiamato Mcs (Mercury Composite Spacecraft), di cominciare il viaggio verso Mercurio.

“Bepi Colombo” in viaggio verso Mercurio

A 17 minuti dal lancio il segnale è stato acquisito dalla stazione di Libreville, quando il lanciatore e il suo carico era ancora uniti. La separazione del veicolo dal lanciatore è avvenuta a 26 minuti e 47 secondi dal lancio, quindi il veicolo comincerà a dispiegare i pannelli solari pronto a cominciare il viaggio.

Per sette anni la sonda attraverserà il Sistema Solare, prendendo la spinta necessaria ruotando prima intorno alla Terra, poi per due volte intorno a Venere e poi sei volte intorno a Mercurio, quando lo raggiungerà nell’ottobre 2025

Foto da Twitter.