Un aereo della compagnia indonesiana Lion Air è precipitato in mare pochi minuti dopo il decollo da Giacarta. Il jet, un Boing 737, era diretto a Pangkal Pinang, una città nell’isola di Bangka, al largo dell’isola di Sumatra. La conferma dello schianto è stata data da un portavoce dell’agenzia indonesiana per il trasporto aereo, a bordo c’erano 189 passeggeri, di cui 3 bambini e 7 membri dell’equipaggio. Secondo quanto ha riferito un funzionario della compagnia aerea “c’era anche un cittadino italiano tra i passeggeri“.

Indonesia, un italiano tra le vittime del disastro aereo

Nella lista con i nomi dei passeggeri, pubblicata sul sito indonesiamo Kamparan, si legge anche il nome della vittima italiana. Si tratta di Andrea Manfredi, 26 anni di Massa, con un passato da ciclista. La notizia è stata confermata anche dal presidente della compagnia aerea e poi dalla Farnesina. Nel 2013 Andrea ha gareggiato con la Ceramica Flaminia mentre per i due anni successivi è stato tra i professionisti della Bardiani CSF, prima di creare l’azienda Sportek. Dal profilo Instagram del ragazzo, sul quale gli amici stanno scrivendo messaggi di cordoglio, si vede che Andrea, proprio ieri si trovava a Giacarta.

Indonesia, aereo precipita in mare: 189 morti

L’aereo aveva richiesto alla Torre di controllo di poter tornare indietro a Giacarta, poco prima che si interrompessero i contatti verso le 6:30 (00:30 in Italia).

Secondo il sito di monitoraggio aereo Flightradar24 il Boeing 737 Max 8 della Lion Air era nuovo ed era stato utilizzato solo per un paio di mesi. Il velivolo era stato registrato come PK-LQP e consegnato ad agosto. Si tratta del peggior disastro aereo accaduto in Indonesia dal dicembre 2014, quando un volo AirAsia da Surabaya a Singapore precipitò in mare e morirono 162 passeggeri.