Aggiornato alle: 19:45

Gianmarco Giacchina, il palermitano che ‘veste’ le auto

di Gaia Di Giorgio

» Sicilia » Gianmarco Giacchina, il palermitano che ‘veste’ le auto

Gianmarco Giacchina, il palermitano che ‘veste’ le auto

| venerdì 19 Aprile 2019 - 20:13
Gianmarco Giacchina, il palermitano che ‘veste’ le auto

Una passione nata da bambino e realizzata prima di compiere trent’anni. Gianmarco Giacchina è un giovane palermitano car designer.

Il Car Designer è un esperto di progettazione delle auto, di design di carrozzerie, scocche, complementi, fanaleria, accessori interni ed elementi di rifinitura. Non si occupa soltanto di disegnare l’automobile ma deve essere in grado di realizzare soluzioni particolari e originali di mobilità e abitabilità del veicolo, garantendo non solo la bellezza del prodotto ma, soprattutto, efficienza e sicurezza, con un occhio sempre attento alle innovazioni tecnologiche.

Dopo la laurea in Disegno Industriale a Palermo con una tesi sul mondo delle automotive e delle interfacce, ha frequentato l’IAAD (Istituto di Arte Applicata e Design) a Torino conseguendo il Master in Scienze e Design dei trasporti con un progetto di tesi con Porche. Progetto scelto come miglior lavoro in team dal quale è stato prodotto un modellino in scala.

“Per la scelta del mio percorso devo sicuramente ringraziare il Prof. Benedetto Inzerillo, progettista di navi e barche. È lui che mi ha insegnato a vedere in grande. Spesso nel corso di disegno industriale si parla di arredamenti, mobili e lampade, mentre auto e barche vengono snobbati” racconta Gianmarco.

Tra la formazione e il lavoro intercorrono due anni a Palermo e poi, nel 2017, il ‘salto’ a Milano. “Lo studio BorromeoDeSilva ha creduto in me – prosegue il giovane car designer – ho lavorato a progetti per Dallara, Ferrari e Garage Italia Customs”, società di Lapo Elkann, “principalmente nella customizzazione di auto di lusso”.

Con Motork si è aggiunta l’esperienza di designer delle interfacce grafiche: “Mi sono occupato di automotive digitali, promozioni per vendite online come visual”. A seguire ha anche ricoperto il ruolo di app designer per un’agenzia di comunicazione.

Giamarco Giacchina disegna per passione sin da piccolo. Ha un suo portfolio in costante aggiornamento e spesso è stato contattato per la pubblicazione dei suoi lavori su riviste di settore, come nel caso del bozzetto della Nuova Punto.

“Le auto sono salotti mobili, non più mezzi di locomozione, ma moduli abitativi. Il mio lavoro consiste nel creare vestiti per le auto e un vestito destinato ad un mezzo combustione è identico ad uno elettrico. Non cambia nulla.”

Relativamente al concetto di design, si sofferma nello spiegare la confusione che spesso viene fatta: “Design significa progettazione. Non esistono il mobile o lampada di design, qualsiasi oggetto è design. La prima cosa da fare è cercare ispirazione nelle forme, che siamo gli animali, la natura, le sculture. Partendo da un content man mano si entra nel dettaglio. Al Salone di Ginevra ciò che vediamo sono concept car, linee guida del design delle automobili. Molte auto non possono nemmeno camminare su strada, non c’è la tecnologia per permettere. L’ingegneria ti da le indicazioni e il designer deve rendere il concept più vicino possibile alla produzione”.

La guida come piacere e come passione dunque, vissuta come esperienza e non come ‘trasporto’: “Non guiderò mai un auto elettrica, non ti da piacere di guida, mancano gli elementi giusti, come i rumori. È buona per spostarsi da A a B ma non sarà uno status simbol. Stesso discorso per l’auto che guida da sola. Non è un’auto”.

Nei suoi progetti Gianmarco Giacchina risente dello stile di Zaha Hadid: “Quando si progetta ci sono sempre dei riferimenti. Amo le linee moderne e sinuosedi di Zaha Hadid ma anche il design di De Silva, sono i miei modelli.”

 

 

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it