Aggiornato alle: 14:33

Spari a Napoli, De Raho: “Scene da Medioevo, è inaccettabile”

di Redazione

» Campania » Spari a Napoli, De Raho: “Scene da Medioevo, è inaccettabile”

Spari a Napoli, De Raho: “Scene da Medioevo, è inaccettabile”

| domenica 05 Maggio 2019 - 08:02
Spari a Napoli, De Raho: “Scene da Medioevo, è inaccettabile”

Queste sono scene da Medioevo: chi vive a Napoli non può accettare il rischio di essere colpito così o peggio, di veder cadere a questo modo una figlia, un figlio, i più indifesi esposti alle pallottole di una camorra senza freni, disposta a sparare in pieno centro”.

Il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho commenta così la brutale sparatoria di venerdì scorso in piazza Nazionale a Napoli, in cui è rimasta gravemente ferita una bimba di 4 anni che oggi lotta tra la vita e la morte; e chiede una risposta forte dello Stato centrale.

Spari a Napoli con feriti

“Non basta mandare più agenti. Dal Viminale serve la risposta dello Stato centrale“. Secondo il procuratore, in una lunga intervista a Repubblica, i poliziotti in più assicurati dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, “vanno bene ma non bastano. Non sono ‘la’ risposta”.

E propone “un piano di prevenzione e repressione, dispiegando tutta la strumentazione che la legislazione antimafia, la migliore al mondo, ci offre”. Per il procuratore antimafia, il ministro, il capo della polizia e della Finanza devono andare “a Napoli ogni mese”.

Scene da medioevo

E non solo: “Si deve andare nei quartieri ogni giorno, controlli in casa e mega perquisizioni degli isolati, casa per casa, piazza di spaccio per piazza di spaccio”. Si deve “scardinare nella sua arroganza – sottolinea – la presenza criminale. Mentre continua il lavoro di intelligence. Le due direzioni con risorse adeguate”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it