Aggiornato alle: 18:27

Le minacce alla Segre e l’accusa di razzismo come arma politica

di Stanislao Lauricina

» Cronaca » Le minacce alla Segre e l’accusa di razzismo come arma politica

Le minacce alla Segre e l’accusa di razzismo come arma politica

| venerdì 08 Novembre 2019 - 10:50
Le minacce alla Segre e l’accusa di razzismo come arma politica

Collegare le minacce alla senatrice Segre al voto d’aula contrario dei partiti di centrodestra alla sua mozione è stupida propaganda di chi insiste nel tentativo di demonizzare l’avversario politico. Un tentativo fallito sul nascere.

Il paese è ampiamente contro il razzismo, ma non recepisce queste accuse, questi temi come attualità politica, come tema egemone della quotidianità.

Le minacce alla Segre e l’accusa di razzismo come arma politica

Gli italiani vogliono risposte alla crisi occupazionale, ai problemi della vita di ogni giorno; del dualismo infinito “fascismo”/ “antifascismo” importa loro poco.

La sinistra, invece, insiste nello sventolare lo spettro di Mussolini ogni qualvolta un avversario politico le toglie la terra da sotto i piedi e gli elettori la puniscono, la abbandonano, puntualmente.

Le minacce alla senatrice sono figlie di menti malate, ma le arrivavano anche prima. Lo ha detto lei: circa 200 al giorno. Immagino alla cassetta postale del Senato, perché non so se abbia indirizzi mail o profili social.

L’attuale opposizione ha denunciato il tentativo di usare la mozione Segre contro il razzismo e l’antisemitismo come cavallo di Troia per misure censorie contro i leader del centrodestra e le loro battaglie preferite.

“Dire prima gli italiani è razzista”, ha detto l’ex ministro Fornero, una che gli italiani vorrebbero dimenticare in fretta. Ma questa è la misura del problema.

Il razzismo esiste e non soltanto negli stadi, ma le leggi per punire i reati di intolleranza, le espressioni “fasciste” ci sono già. A partire dalla legge Mancino. A che serve una nuova commissione? E dirlo equivale a incoraggiare folli e delinquenti? Soltanto dei disonesti possono pensarlo.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it