Aggiornato alle: 13:08

La dipendenza da cocaina si combatte con “mini scosse” indolori

di Redazione

» Benessere » La dipendenza da cocaina si combatte con “mini scosse” indolori

La dipendenza da cocaina si combatte con “mini scosse” indolori

| lunedì 11 Novembre 2019 - 19:20
La dipendenza da cocaina si combatte con “mini scosse” indolori

La dipendenza da cocaina si può combattere con “mini scosse” indolori, che ne cancellano il desiderio.

“La stimolazione magnetica transcranica si è rivelata efficace contro la dipendenza da questa sostanza, come dimostrano i risultati preliminari di uno studio condotto su 100 cocainomani”.

Lo spiega all’Adnkronos Salute uno degli autori del lavoro pubblicato di recente su ‘Frontiers in Psychiatry’, Fabrizio Fanella, psicologo e psicoterapeuta, direttore sanitario del Centro ‘La Promessa’ di Roma, struttura coinvolta nella sperimentazione insieme con Università di Chieti e con il Nida (National Institute for Drug Abuse).

La dipendenza da cocaina si combatte con “mini scosse” indolori

Un trattamento già utilizzato per altre dipendenze. “Si tratta di un approccio che, a livello clinico, nel nostro centro usiamo anche per la dipendenza da altre sostanze: eroina, farmaci, alcol, ma anche per il gioco d’azzardo e l’alimentazione compulsiva“, aggiunge Fanella.

Fin’ora questo trattamento terapeutico era stato sperimentato solamente su ictus e altri tipi di patologie neurologiche, che “pur in assenza di studi specifici, ha dimostrato sperimentalmente di funzionare molto bene. Nella nostra ricerca – racconta lo psicoterapeuta all’Adnkronos – i soggetti sottoposti a stimolazione magnetica transcranica sono stati confrontati con un gruppo di controllo, trattato con una somministrazione neutra, senza onde magnetiche”.

Lo studio è ancora agli inizi ma i risultati fanno ben sperare. “Finora abbiamo pubblicato solo i risultati preliminari su una ventina di pazienti: a un mese dal trattamento il 60% ha smesso di far uso di cocaina, con una differenza molto significativa rispetto al gruppo di controllo”.

Inoltre il trattamento normalmente è più lungo: “Tre mesi, più altri tre di mantenimento. Ci aspettiamo risultati ancora migliori – assicura Fanella – quando avremo i dati finali, che verranno pubblicati in primavera”.

“Questo approccio agisce sul circuito compulsivo, in pratica smorzando il desiderio della sostanza di cui si abusa. Ecco perché funziona non solo sulle droghe, ma anche sui farmaci, sul cibo o sul gioco d’azzardo. Anche se non ci sono ancora studi specifici su queste diverse dipendenze. La stimolazione, in pratica, ‘bersaglia’ il desiderio di gratificarsi” attraverso una sostanza, o il gioco, “che risulta sregolato in questi pazienti”. E se i soggetti coinvolti nello studio erano giovani adulti, i pazienti del centro hanno dai 18 ai 60 anni: “Non abbiamo rilevato differenze di efficacia”, conclude Fanella.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it