Aggiornato alle: 08:57

Assessore regionale piemontese arrestato per voto di scambio

di Redazione

» Cronaca » Assessore regionale piemontese arrestato per voto di scambio

Assessore regionale piemontese arrestato per voto di scambio

| venerdì 20 Dicembre 2019 - 14:33
Assessore regionale piemontese arrestato per voto di scambio
La Guardia di finanza di Torino ha eseguito 8 ordinanze di custodia cautelare in carcere, su richiesta della locale Dda, nonché sequestri di beni sul territorio nazionale, nei confronti di persone ritenute legate alla ‘ndrangheta, radicate nel territorio di Carmagnola e operanti a Torino.
Tra gli arrestati dell’operazione “Fenice” c’è anche Roberto Rosso, attuale assessore regionale ai Rapporti con il Consiglio regionale, Delegificazione e semplificazione dei percorsi amministrativi, con l’accusa di voto di scambio politico-mafioso.

Assessore regionale piemontese arrestato per voto di scambio

“Roberto Rosso ha aderito a Fratelli d’Italia da poco più di un anno, chiedendo di essere candidato nelle nostre liste. Come facciamo con tutti i nostri candidati, abbiamo verificato con gli strumenti che un partito ha a disposizione se avesse problemi con la giustizia – commenta in una nota la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni -. Non è emerso nulla e abbiamo deciso di sottoporre anche il suo nome al giudizio degli elettori piemontesi. È stato il più votato nelle nostre liste, e per questo è diventato assessore regionale. Apprendiamo che stamattina è stato arrestato con l’accusa più infamante di tutte: voto di scambio politico-mafioso. Mi viene il voltastomaco”.
“Da sempre, noi di Fratelli d’Italia siamo rigidissimi nella selezione e nelle candidature e facciamo tutto quello che è nelle nostre possibilità per proporre agli italiani persone senza macchia – prosegue -. Ma come ci si difende da chi bussa alla tua porta, dice di voler combattere con te e sembra avere un curriculum specchiato, ma poi viene accusato di reati così infami? Mi auguro dal profondo del cuore che Roberto Rosso dimostri la sua innocenza, che non siano vere le accuse che gli vengono mosse”.
“Ma annuncio fin da ora che Fratelli d’Italia si costituirà parte civile nell’eventuale processo a suo carico, perché in questa vicenda ci consideriamo le prime vittime. Ovviamente, fin quando questa vicenda non sarà chiarita, Rosso è da considerarsi ufficialmente fuori da FdI”, conclude Meloni.
(ITALPRESS).
Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820