Aggiornato alle: 07:41

Prima vittima per coronavirus in Italia, Conte “Pronti a nuove misure”

di Rosanna Pasta

» Cronaca » Prima vittima per coronavirus in Italia, Conte “Pronti a nuove misure”

Prima vittima per coronavirus in Italia, Conte “Pronti a nuove misure”

| sabato 22 Febbraio 2020 - 08:07
Prima vittima per coronavirus in Italia, Conte “Pronti a nuove misure”

L’Italia registra la sua prima vittima a causa del nuovo coronavirus. Si tratta di Adriano Trevisan, un pensionato padovano di 78 anni, originario di Monselice e che viveva a Vo’ Euganeo.

L’uomo sarebbe morto venerdì sera poco dopo le 22.45. E’ deceduto all’ospedale di Schiavonia dove era in terapia intensiva in condizioni critiche.

Coronavirus, prima vittima in Italia

“Ci è stata confermata dal governatore del Veneto Zaia, che ha partecipato alla riunione in collegamento telefonico, la notizia della morte di uno dei due veneti contagiati dal Coronavirus”, ha detto il ministro della salute, Roberto Speranza, uscendo dal summit nella sede della partecipazione civile cui ha partecipato insieme al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, e al capo dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, con la partecipazione in collegamento telefonico appunto del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.

Conte “Pronti a nuove misure”

“Abbiamo preso tutte le misure e siamo disponibili a valutarne ulteriori, se necessarie”, ha detto il premier Giuseppe Conte al termine della riunione straordinaria alla Protezione Civile alla quale ha partecipato anche il ministro della Salute Speranza. “Rassicuriamo tutta la popolazione – ha aggiunto – al momento abbiamo messo in quarantena tutte le persone che sono venute in contatto con i casi certificati positivi”.

“Siamo convinti che il servizio sanitario nazionale sia all’altezza di questa sfida – ha aggiunto il ministro Speranza -. Abbiamo fatto un lavoro di screening molto accurato, per selezionare uno ad uno i contatti stretti di queste persone li stiamo verificando uno ad uno con i tamponi e pensiamo che questa sia la modalità più efficace per contenere l’avanzamento del virus”.

Gli italiani al momento positivi al virus sono 16 in Lombardia e uno in Veneto. Centinaia invece le persone che hanno avuto contatti diretti con loro e sono in attesa di conoscere i risultati dei test e più di 50mila cittadini in provincia di Lodi sono, di fatto, in quarantena a casa loro.

Scuole chiuse a Cremona

Dopo il caso di contagio da coronavirus a Cremona, il Comune ha annunciato su Facebook che “in accordo con la Prefettura, in via cautelativa e preventiva rispetto alla diffusione del coronavirus sul nostro territorio, oggi le scuole di ogni ordine e grado della nostra città rimarranno chiuse”. La città sta inoltre “valutando la sospensione degli eventi sportivi e delle manifestazioni legate al Carnevale”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820