Le previsioni dell’Istat, Pil -8,3% nel 2020 e +4,6% nel 2021

di Redazione

» Economia » Le previsioni dell’Istat, Pil -8,3% nel 2020 e +4,6% nel 2021

Le previsioni dell’Istat, Pil -8,3% nel 2020 e +4,6% nel 2021

| lunedì 08 Giugno 2020 - 14:37
Le previsioni dell’Istat, Pil -8,3% nel 2020 e +4,6% nel 2021

L’Istat prevede un calo del Pil dell’8,3% nel 2020 e una ripresa parziale nel 2021, con un rialzo del 4,6%. E’ quanto emerge dal Rapporto “Le prospettive per l’economia italiana nel 2020-2021″ pubblicato dall’Istituto di Statistica.

Le previsioni dell’Istat, Pil -8,3% nel 2020 e +4,6% nel 2021

Nell’anno in corso la caduta del Pil sarà determinata prevalentemente dalla domanda interna al netto delle scorte (-7,2 punti percentuali) condizionata dalla caduta dei consumi delle famiglie e delle Istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie (-8,7%) e dal crollo degli investimenti (-12,5%), a fronte di una crescita dell’1,6% della spesa delle Amministrazioni pubbliche. Anche la domanda estera netta e la variazione delle scorte sono attese fornire un contributo negativo alla crescita (rispettivamente -0,3 e -0,8 punti percentuali).

L’evoluzione dell’occupazione, misurata in termini di ULA, è prevista evolversi in linea con il Pil, con una brusca riduzione nel 2020 (-9,3%) e una ripresa nel 2021 (+4,1%). Diversa appare la lettura della crisi del mercato del lavoro attraverso il tasso di disoccupazione, il cui andamento rifletterebbe anche la decisa ricomposizione tra disoccupati e inattivi e la riduzione del numero di ore lavorate. L’andamento del deflatore della spesa delle famiglie manterrebbe una intonazione negativa nell’anno corrente (-0,3%) per poi mostrare modesti segnali di ripresa nell’anno successivo (+0,7%).

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820