Aggiornato alle: 17:01

Il Comitato Pro Province contro la riforma targata Crocetta | Sangiorgi: “Un progetto politico fallimentare”

di Maria Teresa Camarda

» Politica » Il Comitato Pro Province contro la riforma targata Crocetta | Sangiorgi: “Un progetto politico fallimentare”

Il Comitato Pro Province contro la riforma targata Crocetta | Sangiorgi: “Un progetto politico fallimentare”

| martedì 18 Febbraio 2014 - 11:14
Il Comitato Pro Province contro la riforma targata Crocetta | Sangiorgi: “Un progetto politico fallimentare”

“Una riforma disastrosa”. Mentre l’Assemblea regionale siciliana si accinge ad  approvare definitivamente i disegni di legge che mettono fine alle Province, sostituendole con i Liberi consorzi di Comuni e le Città metropolitane, il Comitato nazionale Pro Province si scaglia contro la riforma firmata Crocetta.

Secondo il Comitato, la modifica del titolo V della Costituzione Italiana, con la quale il Governo Amato (2001) ha trasferito alcune funzioni alle Regioni e favorito il proliferare di Società Partecipate, Unioni e Consorzi dei Comuni, ha generato da una parte un consistente aggravio della spesa pubblica e dall’altro uno scadimento dei servizi destinati ai cittadini.

“Una riforma – attacca il presidente Salvatore Giuseppe Sangiorgi – che ha, di fatto, aumentato in 10 anni la spesa pubblica di 200 miliardi di euro, passando da 600 a 800 miliardi di euro, e generato oltre 1600 contenziosi tra Stato e Regioni”.

Stupisce, per i rappresentanti del comitato, “il coraggio” con cui i politici “anziché assumersi le responsabilità di un fallimentare progetto politico, ormai da archiviare, hanno ancora il coraggio di insistere e spingersi oltre, volendo con una ulteriore riforma confusionaria abolire le Province, per fare spazio a pseudo Città Metropolitane ed ulteriori Consorzi dei Comuni”.

“La presunzione politica, che negli anni è diventata ostinazione – conclude Sangiorgi – non si ferma neanche davanti a studi e pareri autorevoli come la Corte dei Conti e la Ragioneria dello Stato, con la quale è dimostrata in maniera chiara e comprensibile, che dall’abolizione delle Province e dal trasferimento delle funzioni ai comuni singoli e/o associati si avrà un ulteriore aumento della spesa pubblica, ormai divenuta incontrollabile, dove alla fine sono tutti responsabili e nessuno è responsabile”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it