Aggiornato alle: 18:54

La seconda Via Crucis di Papa Francesco /FT | “La croce è dei sofferenti e degli emarginati”

di Alessia Bellomo

» Città del Vaticano » La seconda Via Crucis di Papa Francesco /FT | “La croce è dei sofferenti e degli emarginati”

La seconda Via Crucis di Papa Francesco /FT | “La croce è dei sofferenti e degli emarginati”

| venerdì 18 Aprile 2014 - 20:03
La seconda Via Crucis di Papa Francesco /FT | “La croce è dei sofferenti e degli emarginati”

Ottocentomila fedeli si sono riuniti nella Capitale per assistere alla seconda Via Crucis di Papa Francesco. Bergoglio ha dato il via alla funzione ai Fori Imperiali poco dopo le 9. A leggere le meditazioni, l’attrice Virna Lisi.

>LE IMMAGINI DELLA VIA CRUCIS

Le 14 stazioni della Passione di Cristo quest’anno sono state dedicate “alla crisi economica e le sue gravi conseguenze, sulle storie degli immigrati, sui mali che strappano alla vita tanti giovani”. La Via Crucis è andata in onda in diretta televisiva in mondovisione: 60 paesi sono collegati con Roma per vivere questo momento solenne. Disoccupati, carcerati, malati e persone senza fissa dimora hanno accompagnato la croce nelle 14 stazioni: “Questa la croce che si ripercuote nella nostra società”

La via Crucis è stata preceduta dalla messa in Vaticano, alle 17: durante la celebrazione della Passione di Cristo nella Basilica di San Pietro Papa Francesco si è prostrato a terra. Durante l’omelia, padre Raniero Cantalamessa ha detto che è “scandaloso” che “alcuni percepiscano stipendi e pensioni cento volte superiori a quelli di chi lavora alle loro dipendenze” e che “alzino la voce appena si profila l’eventualità di dover rinunciare a qualcosa in vista di una maggiore giustizia sociale”. Un duro attacco contro quei manager e dirigenti che insistono nel difendere gli stipendi d’oro.

Le piaghe del mondo di oggi sono state il tema portante della celebrazione: dagli innocenti che muoiono per l’inquinamento nella Terra dei fuochi agli immigrati che partono per lunghi e insidiosi viaggi della speranza e ancora bambini e donne, vittime delle crudeltà, i cristiani perseguitati per la loro fede, i malati terminali su cui altri speculano e le carceri superaffollate. La folla assiste alle stazioni silenziosa, ogni tanto scoppia qualche grosso applauso di commozione.

La Via Crucis è stata chiusa da un pensiero di Papa Francesco: “I malati, i sofferenti, portano la croce che Cristo ha portato per noi. Ma questa croce è anche un simbolo di speranza”. Dopo il discorso di Francesco si è alzata una voce forte e chiara: “Viva il Papa” e  la folla si è sciolta in un caldissimo applauso.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it