Sembrava essersi concluso con l’arresto dei due presunti jihadisti sfuggiti al blitz di martedì pomeriggio nel sobborgo Forest di Bruxelles, l’operazione antiterrorismo delle forze dell’ordine belga nella quale sono rimasti feriti 4 agenti. Ma la Procura ha spiegato che i due arrestati non sono i responsabili della sparatoria e nel pomeriggio sono stati rilasciati. Lo ha comunicato la Procura belga.

La retata, secondo quanto ha riferito il premier belga Michel, aveva come obiettivo un gruppo logistico di supporto ai terroristi specializzato nella falsificazione di documenti. Ma il premier rilancia: “Presto altri blitz“.

Michel ha annunciato che “dopo il blitz compiuto nella serata di martedì, ci saranno altre operazioni di polizia nelle prossime ore e nei prossimi giorni. Le operazioni continuano dalla notte, la minaccia terroristica rimane”, ha aggiunto.