Gli adolescenti italiani sono più pigri e obesi rispetto ai loro coetanei del resto d’Europa. A lanciare l’allarme per la salute dei ragazzi è un rapporto dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), che ha preso in esame giovani dagli 11 ai 15 anni tra 2013 e 2014.

Tra gli 11 e i 13 anni la percentuale di ragazzi obesi o in sovrappeso è del 30% mentre per i 15enni il dato si abbassa al 25%. La situazione appare più preoccupante per quanto riguarda l’attività fisica: a 15 anni soltanto il 5% delle ragazze e l’11% dei ragazzi fa almeno un’ora al giorno di esercizio.

Il report ha tuttavia evidenziato un dato “cautamente” positivo: il consumo di alcol e droga tra teenager e adolescenti è in calo rispetto al passato.

Ma l’Oms ha esaminato il comportamento dei giovani in modo più esteso ed è venuto fuori che i ragazzi italiani, nonostante conservino qualche difficoltà a rapportarsi con i genitori, sono meno violenti e praticano e subiscono meno il bullismo. All’età di 15 anni, si legge nel rapporto, il 2% delle ragazze e il 3% dei ragazzi riporta di aver subito atti di bullismo, un numero superiore solo a quello di Islanda e Armenia e un decimo di quello della Lituania.