Aggiornato alle: 07:25

“L’Egitto sta per processare un ufficiale di polizia” | Intanto i leader Ue rifiutano incontri con al-Sisi

di Redazione

» Cronaca » “L’Egitto sta per processare un ufficiale di polizia” | Intanto i leader Ue rifiutano incontri con al-Sisi

“L’Egitto sta per processare un ufficiale di polizia” | Intanto i leader Ue rifiutano incontri con al-Sisi

| domenica 18 Settembre 2016 - 14:39
“L’Egitto sta per processare un ufficiale di polizia” | Intanto i leader Ue rifiutano incontri con al-Sisi

Possibile svolta in Egitto nelle indagini sull’uccisione del ricercatore italiano Giulio Regeni. Secondo la stampa locale, infatti, l’Egitto sarebbe pronto a processare un alto ufficiale della polizia.

Il quotidiano arabo-inglese Al-Araby Al-Jadeed, citando fonti politiche anonime, spiegano anche che diversi leader europei avrebbero rifiutato incontri bilaterali a margine del G20, in Cina, con il presidente egiziano Abd al-Fattah al-Sisi, proprio a causa del dossier Regeni.

Stando sempre all’indiscrezione, la cancelliera tedesca Angela Merkel avrebbe chiesto ad al-Sisi di rivelare il prima possibile l’identità dei killer di Regeni, ribadendo che finché i suoi assassini non saranno perseguiti, il ripristino delle normali relazioni tra Egitto ed Europa non sarà possibile.

Sarebbe comunque Khaled Shalabi, ex alto ufficiale della Sicurezza nazionale, poi a capo della polizia di Giza, già finito sotto accusa lo scorso aprile, l’uomo prossimo al processo. Nel 2003 il generale è stato condannato agli arresti per aver torturato a morte un altro uomo. L’Egitto adesso si muove.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it