Aggiornato alle: 07:54

Le pagelle di Austria Vienna – Roma. Dzeko non si ferma più, Rudiger-Alisson da horror

di Andrea Fabbricatore

» Sport » Le pagelle di Austria Vienna – Roma. Dzeko non si ferma più, Rudiger-Alisson da horror

Le pagelle di Austria Vienna – Roma. Dzeko non si ferma più, Rudiger-Alisson da horror

| giovedì 03 Novembre 2016 - 20:49
Le pagelle di Austria Vienna – Roma. Dzeko non si ferma più, Rudiger-Alisson da horror

Ecco le pagelle di Austria Vienna – Roma, match valido per la quarta giornata di Europa League ( la cronaca del match )

AUSTRIA VIENNA: Hadzikic 5; Larsen 5, Rotpuller 5,5, Filipovic5, Martschinko 4,5; Serbest 6, Holzhauser 6,5; Pires 5,5, Grünwald 5,5, Venuto 6,5; Kayode 6,5(dal 26′ s.t. FRIESENBICHLER 5,5) .

—-

ROMA: Alisson 5,5; Rudiger 4,5, De Rossi 6,5, Juan Jesus 6; Bruno Peres 6,5, Strootman 6, Paredes 6, El Shaarawy 7 (dal 25′ s.t. Gerson6); Nainggolan 7; Dzeko 7,5, Perotti 6,5 (dal 37′ s.t. Iturbe).

I MIGLIORI DELLA ROMA

Dzeko: Ancora lui: dodicesimo gol messo a segno in dodici presenze stagionali. Come sempre, è il regista offensivo di questa squadra, in grado di servire i compagni con passaggi precisi (per essere un centravanti). Partecipa attivamente a tutte le manovre offensive della squadra. Come Re Mida, trasforma tutto ciò che tocca in oro.

El Shaarawy: Che bella prova dell’italo-egiziano. Nel primo tempo si traveste da operaio e rincorre gli avversari sulla fascia, nel secondo mette in mostra il proprio estro e la propria fantasia, sfornando un assist da applausi per Dzeko.

Nainggolan: Gioca (come di consueto) una partita dal ritmo altissimo e basata sull’intensità: ciliegina sulla torta è il bel gol del 4-1 con un destro a giro dall’altezza del dischetto. Quando sta bene fisicamente, la squadra gira meglio.

I PEGGIORI DELLA ROMA

Rudiger: La sua prestazione odierna non racconta nulla di nuovo: difensore roccioso con grandissimi limiti di concentrazione: clamoroso l’errore in occasione del gol dell’Austria, in cui travolge il proprio proprio portiere con i tacchetti. Non contento, rischia più volte l’espulsione per eccesso di foga, pur sapendo di essere già ammonito. Graziato.

Alisson: Vale lo stesso discorso fatto per Rudiger, con l’eccezione che in occasione del gol non è responsabile al 100%: ha solo la “colpa” di spaventarsi dell’arrivo del compagno. Nella ripresa si riprende con un paio di interventi non troppo complessi.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it