Le pagelle di Sassuolo – Inter. Consigli fa quel che può, Candreva sempre leader

di Redazione

» Sport » Le pagelle di Sassuolo – Inter. Consigli fa quel che può, Candreva sempre leader

Le pagelle di Sassuolo – Inter. Consigli fa quel che può, Candreva sempre leader

| domenica 18 Dicembre 2016 - 14:23
Le pagelle di Sassuolo – Inter. Consigli fa quel che può, Candreva sempre leader

Ecco le pagelle di Sassuolo – Inter (clicca qui per leggere la cronaca), anticipo della 17esima giornata di Serie A.

SASSUOLO (4-3-3): Consigli 7; Lirola 6, Antei 6, Acerbi 6, Dell’Orco 5,5; Mazzitelli 6 (dal 32′ s.t. Iemmello s.v.), Sensi 6,5, Pellegrini 6 (dal 15′ s.t. Missiroli 5,5); Ricci 5,5 (dal 15′ s.t. Matri 5), Defrel 5,5, Ragusa 6. All.: Di Francesco.

I MIGLIORI DEL SASSUOLO:

Consigli: Nonostante il gol incassato è tra i migliori dei suoi. Compie almeno un paio di miracoli che tengono in vita il Sassuolo; sul tiro ravvicinato di Candreva non può che alzare le mani.

Sensi: Il più vivace dei giocatori di Di Francesco. Fa un buon filtro insieme a Mazzitelli e Pellegrini, ma ciò che gli riesce meglio sono le verticalizzazioni improvvise a innescare le punte. L’occasione più grande capita sui suoi piedi, ma Handanovic gli dice di no.

I PEGGIORI DEL SASSUOLO:

Matri: Di Francesco lo butta nella mischia per aggiungere peso all’attacco, ma il suo contributo è pressoché nullo: non fa salire mai il Sassuolo e soprattutto si divora il gol del pareggio con un’occasione che era tutt’altro che impossibile da capitalizzare.

INTER (4-2-3-1): Handanovic 7,5; D’Ambrosio 6, Murillo 6, Miranda 6, Ansaldi 6; F. Melo 4,5, Brozovic 6; Candreva 8 (dal 46′ s.t. Gabigol s.v.), Joao Mario 6,5 (dal 24′ s.t. Banega s.v.), Perisic 6; Icardi 6. All.: Pioli.

I MIGLIORI DELL’INTER:

Candreva: E pensare che De Boer lo lasciava fuori spesso e volentieri. E’ lui il vero leader di questa Inter, l’uomo che non sbaglia (quasi) mai una partita, e anche oggi conferma la regola: il palo, il gol da rapinatore d’area, tante corse e cross da una fascia che lo ha visto padrone assoluto.

Handanovic: Saremo ripetitivi, ma se non ci fosse stato lui in porta l’Inter avrebbe perso per strada diversi altri punti. Ancora una volta dimostra di avere una capacità innata nel rimanere concentrato anche quando non è praticamente mai impegnato: come al solito, quando c’è bisogno, il portierone nerazzurro non delude mai.

Joao Mario: Non tocca i livelli ai quali ci ha abituato nelle ultime partite, ma si rende lo stesso decisivo entrando nell’azione del gol, con il suo tiro che spalanca la strada al vantaggio firmato Candreva.

I PEGGIORI DELL’INTER:

Felipe Melo: Si fa buttare fuori e fa soffrire i suoi compagni nei minuti finali: un’espulsione assolutamente evitabile, la sesta in Serie A per il brasiliano.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820