Aggiornato alle: 00:05

Le pagelle di Palermo – Roma. Paredes inventa ed El Shaarawy concretizza

di Emanuele Termini

» Sport » Le pagelle di Palermo – Roma. Paredes inventa ed El Shaarawy concretizza

Le pagelle di Palermo – Roma. Paredes inventa ed El Shaarawy concretizza

| domenica 12 Marzo 2017 - 22:37
Le pagelle di Palermo – Roma. Paredes inventa ed El Shaarawy concretizza

Le pagelle di Palermo – Roma, match valido per la 28esima giornata del campionato di Serie A, a cura della redazione di Sì24.

PALERMO: Fulignati 6; Morganella 6, Cionek 6, Andelkovic 5,5, Aleesami 5; Gazzi 6,5, Chochev 5; Sallai 4, B. Henrique 5 (dal 29′ s.t. Lo Faso 5), Embalo 4 (dal 1′ s.t. Diamanti 5,5); Nestorovski (cap.) 5,5. ALL.: Lopez.

I MIGLIORI DEL PALERMO

Gazzi 6,5: Cuore ed esperienza. Il suo pressing sui portatori di palla romanisti è monumentale, ma anche in fase di impostazione il buon Gazzi non sfigura. Insieme a Diamanti e Rispoli, è l’unico a conoscere i segreti del “mestiere” di chi si deve salvare. Senza elementi come lui, la gioventù, anche se talentuosa, non serve a nulla.

Cionek 6: Tra i top e i flop, il buon Cionek, c’è sempre. La sua incostanza questa volta lo porta ad essere tra i più positivi in campo. Interventi precisi e puntuali, diagonali pulite e una buona copertura.

I PEGGIORI DEL PALERMO

Embalo 4: Il cambio all’intervallo è l’emblema di quanto questo giocatore continui a non convincere. Non un dribbling, non un cross degno di nota, nulla di nulla in 45′ di pura fumosità. Eppure continua a ottenere bonus fiducia. Un mistero che a fine stagione, ne siamo certi, verrà chiarito.

Sallai 4: A questo ragazzo manca tutto per giocare in Serie A. Manca in esperienza, in senso della posizione e in concretezza. Forse un giorno si farà. Chissà. Ma quando la domenica scendi in campo per salvarti la pelle, non puoi affidarti ad incognite. Hai bisogno di certezze. Chi l’ha detto che bisogna per forza giocare col tridente? Lopez mediti sul futuro, senza pensare a plusvalenze e valorizzazioni.

——————-

ROMA: Szczesny 6; Rudiger 6, Fazio 6,5, J. Jesus 6; Peres 6,5, Paredes 7, Grénier 6 (dal 18′ s.t. Dzeko 7), M.Rui 6; Salah 5 (dal 36′ s.t. De Rossi s.v.), Nainggolan (cap.) 6; El Shaarawy 7 (dal 27′ s.t. Strootman 6). ALL.: Spalletti.

I MIGLIORI DELLA ROMA

El Shaarawy 7: L’argento vivo dell’attacco giallorosso. Nonostante l’appannamento generale della Roma, il “Faraone” dà grande profondità e dinamismo alla manovra offensiva. Tenerlo a bada, per Cionek e Andelkovic, è un compito troppo gravoso, impossibile senza l’aiuto dei mediani. Perfetto l’inserimento per il gol dell’1-0. Pericolo costante.

Paredes 7: Vederlo giocare è un piacere. Soprattutto quando può agire senza marcature asfissianti. La mediana avversaria gli risparmia “attenzioni” speciali e l’effetto è devastante. Sui tiri da fuori è una mina vagante, in fase di contenimento è ovunque, ma è nell’impostazione di manovra che eccelle. Partita di alto livello.

Dzeko 7: Decisivo con una giocata da attaccante di razza per il gol del 2-0. Grazie al suo acuto, la Roma riesce a disinnescare l’assedio rosanero e a condurre in porto una vittoria sofferta quanto preziosa per rompere la cappa di negatività che angosciava Spalletti e i suoi ragazzi.

I PEGGIORI DELLA ROMA

Salah 5: Meno brillante del solito, soprattutto nelle ripartenze. Pochi i movimenti senza palla, normalmente tra i pezzi forti del suo repertorio. Anche lui, come i compagni, paga le fatiche degli ultimi tempi.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it