Aggiornato alle: 00:28

Manovra, Moscovici: “Cerchiamo soluzioni condivise”

di Redazione

» Cronaca » Manovra, Moscovici: “Cerchiamo soluzioni condivise”

Manovra, Moscovici: “Cerchiamo soluzioni condivise”

| martedì 27 Novembre 2018 - 10:13
Manovra, Moscovici: “Cerchiamo soluzioni condivise”

“Ci sforziamo per trovare delle soluzioni” sul bilancio italiano, ha detto il commissario europeo agli Affari economici, Pierre Moscovici, parlando della manovra italiana in conferenza stampa a Parigi. “Non sono mai stato un partigiano delle sanzioniPenso che le sanzioni siano sempre un fallimento“, ha precisato.

Intanto per evitare la procedura di infrazione e abbassare il deficit, il Governo italiano punta sul rinvio del reddito di cittadinanza e il restringimento della platea per la “quota 100”.

Manovra, Moscovici: “Cerchiamo soluzioni condivise”

L’Europa sembra ancora una volta di disposta ad aprirsi al dialogo con l’Italia. “Sono sempre stato un commissario favorevole alla flessibilità – ha aggiunto Moscovici – aperto al dialogo tra Roma e Bruxelles, legato a un’Italia che rimanga al centro della zona euro”.  E ancora: “La porta resta aperta, la mano tesa. Dobbiamo cercare con tutte le forze delle soluzioni condivise nell’interesse degli italiani e della zona euro”. 

Le tre principali “incertezze” che pesano sull’Europa sono le tensioni commerciali globali, la Brexit, e la manovra italiana. Moscovici ha sottolineato che rispetto ai tre principali rilievi fatti all’Italia dalla Commissione Ue – crescita, deficit, debito – “al momento attuale non hanno trovato risposta”. “Continuiamo a pensare che la manovra italiana comporti rischi per aziende, risparmiatori e cittadini italiani. Questo rischio ha un nome: si chiama debito al 130% del Pil”.

Già all’incontro di sabato scorso a Bruxelles, il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, hanno discusso con Moscovici in in un clima “utile, costruttivo, amichevole e disteso”. Il commissario ha anche sottolineato che la riunione ha permesso di “capirsi meglio per cercare di progredire insieme”.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it