Aggiornato alle: 01:03

Cosa significa recessione tecnica

di Rosanna Pasta

» Cronaca » Cosa significa recessione tecnica

Cosa significa recessione tecnica

| venerdì 01 Febbraio 2019 - 09:38
Cosa significa recessione tecnica

L’Italia è entrata in una fase di recessione tecnica. L’economia italiana nel quarto trimestre 2018 ha registrato un calo dello 0,2%. Lo comunica l’Istat in base ai dati provvisori. Si tratta del secondo trimestre consecutivo di calo dopo il -0,1% del periodo luglio-settembre. Ma cosa significa recessione tecnica?

Secondo quanto riporta Money.it, si parla di recessione quando si verifica un calo significativo di tutta l’attività economica, con una durata superiore a qualche mese. Si può avere una recessione in diversi ambiti, nella produzione industriale, nell’occupazione, nel reddito reale e nel commercio all’ingrosso e al dettaglio. Si parla tecnicamente di recessione, secondo la scuola economica tradizionale, quando si hanno due trimestri consecutivi di crescita economica negativa del Pil, Prodotto interno lordo.

Nel normale ciclo economico, la fase di recessione è naturale, anche se a volte può essere innescata da eventi improvvisi. La recessione globale del 2007-2009, per esempio, è partita da cattive strategie di investimento attuate dalle grandi istituzioni finanziarie mondiali, che hanno provocato crolli nelle economie di quasi tutte le nazioni.

Ufficiosamente girano altre definizioni, non riconosciute dagli organi competenti, sulle quali è bene fare chiarezza. Si parla in particolare di recessione economica quando il Pil è negativo su base annuale, cioè rispetto all’anno precedente, e di crisi economica quando il Pil annuale supera la soglia negativa del -1%. In Italia, gli ultimi dati Istat mostrano una crescita in negativo per il quarto trimestre 2018 dello 0,2% gettando così le basi per parlare di recessione tecnica.

Non esiste una metodologia affidabile per prevedere come e quando si verificherà una recessione. Tuttavia, secondo molti economisti, esistono degli indicatori, anche se non universalmente riconosciuti, che possono anticipare una recessione se presenti in contemporanea. Tra questi, troviamo: un calo dei prezzi degli strumenti finanziari, l’andamento del tasso di disoccupazione e una curva dei rendimenti invertita. Quando i rendimenti a lungo termine scendono al di sotto di quelli a breve termine (i titoli decennali rispetto a quelli a 3 mesi), si verifica una recessione. Viceversa, una curva positiva, orientata nella direzione opposta, segnala una crescita.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it