Aggiornato alle: 08:50

Guerriglia urbana a Torino, scontri tra anarchici e polizia: 11 fermi

di Emanuele Termini

» Cronaca » Guerriglia urbana a Torino, scontri tra anarchici e polizia: 11 fermi

Guerriglia urbana a Torino, scontri tra anarchici e polizia: 11 fermi

| domenica 10 Febbraio 2019 - 07:58
Guerriglia urbana a Torino, scontri tra anarchici e polizia: 11 fermi

Il corteo degli anarchici a Torino si è trasformato in un vero e proprio scenario di guerriglia urbana. A scatenare le violenze è stato lo sgombero di un asilo occupato già da diversi anni. Sono subito partiti lanci di pietre, incendi di cassonetti e scontri con le forze dell’ordine. Il bilancio finale della giornata parla di 11 persone persone fermate con l’accusa di devastazione, porto e lancio di oggetti esplodenti, resistenza aggravata, blocco stradale. In tutto sono quattro i feriti portati in ospedale, uno dei quali è grave.

L’area tra il centro storico e Porta Palazzo è rimasta isolata per diverse ore. Con i cassonetti rovesciati, gli anarchici hanno creato sbarramenti nelle strade, alimentando il panico tra i passanti e i residenti. Un gruppo di anarchici ha poi assaltato un pullman di linea nella città, terrorizzando l’autista e i passeggeri. Saliti a bordo, i manifestanti hanno vandalizzato il bus e lanciato sostanze lacrimogene. “Non ho mai visto niente di simile – ha detto l’autista -. Sono saliti incappucciati sfasciando tutto. Tremo ancora adesso”.

Scontri a Torino, le reazioni

Torino e i suoi cittadini – ha detto il vicepremier Matteo Salvini – sono ostaggio di qualche centinaio di delinquenti dei centri sociali. Tutto il mio supporto va ai torinesi e alle forze dell’ordine, per questi criminali (che sono stati finalmente sgomberati pochi giorni fa) la pacchia è finita. Galera per questi infami. Ridotti quasi a zero gli sbarchi, adesso si chiudono i centri sociali frequentati dai criminali”.

La sindaca del Movimento 5 Stelle, Chiara Appendino, non usa mezzi termini: “Quanto sta accadendo in queste ore non può essere confuso in alcun modo con l’esercizio della democrazia: gli episodi di violenza perpetrati da alcuni manifestanti a Torino sono di una gravità inaudita. Esprimo piena solidarietà alle persone rimaste coinvolte e sostegno alle forze di polizia che stanno operando a tutela della città”. 

Anche il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, esprime una dura condanna: “Il mio forte ringraziamento e la mia vicinanza alle forze dell’ordine, che hanno contenuto le intollerabili violenze compiute nel centro città da gruppi di anarchici. Sono atti gravi che non possono trovare alcuna giustificazione”.

Foto da Twitter.


Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it