Aggiornato alle: 16:22

Via della Seta, Di Maio: “C’è l’accordo al Governo”. Salvini: “Non è un testo sacro”

di Rosanna Pasta

» Cronaca » Via della Seta, Di Maio: “C’è l’accordo al Governo”. Salvini: “Non è un testo sacro”

Via della Seta, Di Maio: “C’è l’accordo al Governo”. Salvini: “Non è un testo sacro”

| giovedì 14 Marzo 2019 - 12:21
Via della Seta, Di Maio: “C’è l’accordo al Governo”. Salvini: “Non è un testo sacro”

La questione della Via della Seta ha sollevato un polverone che tiene sotto scacco il Governo italiano. Se da un lato il vicepremier Luigi Di Maio assicura che “nel governo c’è totale accordo” precisando che l’accordo con la Cina “non deve essere visto come una nuova alleanza geopolitica”, dall’altro Matteo Salvini sottolinea che “il memorandum non è un testo sacro, si può modificare”. In presenza di rischi per la sicurezza “dirò un secco no”, aggiunge.

Via della Seta, Di Maio: “C’è l’accordo al Governo”. Salvini: “Non è un testo sacro”

Il memorandum d’intesa tra Italia e Cina sulla ‘Belt and Road Initiative‘, la nuova Via della Seta voluta da Pechino per connettere Asia, Europa e Africa, ha sollevato un polverone di polemiche visto che l’Italia starebbe per diventare il primo paese del G7 ad appoggiare formalmente la spinta all’investimento globale della Cina.

Anche all’interno della maggioranza del Governo italiano, la discussione sulla nuova Via della Seta continua a tenere banco. Nonostante il ministro dell’Economia Giovanni Tria minimizzi (“è una tempesta in un bicchier d’acqua”) e il premier Conte assicuri l’adesione “con tutte le cautele” smentendo il rischio di “colonizzazione” paventato da Salvini, è ancora in discussione il memorandum, che dovrebbe essere firmato la settimana prossima, durante la visita a Roma del presidente cinese Xi Jinping in calendario il 21, 22 e 23 marzo.

Favorevole alla nuova Via della Seta il capo politico del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, secondo il quale con il memorandum “si comincia a prendere i prodotti italiani e a portarli in Cina. L’intesa che firmerò come ministro dello Sviluppo economico assieme al presidente cinese servirà anche ai porti del Sud. E soprattutto porterà nuove occasioni di sviluppo in porti come quelli di Taranto, dunque è una grande opportunità per le nostre imprese. Tante partnership e occasioni di lavoro in Cina per le nostre aziende che significa portare il Made in Italy nel mondo”.

Matteo Salvini, invece, tira il freno e punta sulla sicurezza nazionale. “Se ci sarà il solo lontanissimo dubbio che certe acquisizioni possano mettere in difficoltà la sicurezza nazionale – ha detto Salvini -, da ministro dell’Interno dirò un secco no. Prima di permettere a qualcuno di investire sul porto di Trieste o Genova, guarderei a fondo. Se fosse un americano nessun problema, se invece venisse dalla Cina sarebbe diverso. Ogni investimento in settori strategici necessita la massima prudenza”.

In merito al memorandum, il leader leghista , in una conferenza stampa a Montecitorio ha detto: “Stiamo leggendo. Ma il memorandum non è un testo sacro, si può modificare, si può migliorare“.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it