Aggiornato alle: 14:05

I migranti morti in mare aumentano, l’allarme dell’Unhcr: “È inaccettabile”

di Redazione

» Cronaca » I migranti morti in mare aumentano, l’allarme dell’Unhcr: “È inaccettabile”

I migranti morti in mare aumentano, l’allarme dell’Unhcr: “È inaccettabile”

| domenica 02 Giugno 2019 - 07:50
I migranti morti in mare aumentano, l’allarme dell’Unhcr: “È inaccettabile”

I migranti morti in mare aumentano. È l’allarme lanciato dall’Unhcr: “Da quanto le Ong hanno dovuto ridurre i salvataggi in mare, sono calati anche gli interventi ma la proporzione di morti rispetto a quelli che arrivano continua ad aumentare ed è inaccettabile”, dichiara l’Alto commissario Onu per i rifugiati, Filippo Grandi, al Festival dell’Economia di Trento. “Diminuire la capacità dei salvataggi in mare – riporta Tgcom – è un attentato alla cultura e alla tradizione europea”.

“Il salvataggio in mare tra tutti i gesti umanitari è forse il più esemplare”, ha sottolineato Grandi. Le Ong “svolgono un lavoro molto importante”. Poi ha evidenziato che il budget dell’Unhcr “è di circa 3,5-4 miliardi l’anno per occuparsi di 70 milioni di persone con operazioni spesso costosissime perché si svolgono in aree di conflitto”.

I migranti morti in mare aumentano

In tutto per le agenzie per gli interventi umanitari “la spesa è di circa 20-22 miliardi di euro all’anno, cifra irrisoria se paragonata a qualsiasi voce dei bilanci degli Stati, ad esempio, per le spese militari”.

“Purtroppo – ha aggiunto – l’intervento umanitario è quasi sempre una risposta al fallimento della politica. Quando un conflitto non è risolto in sede politica ha conseguenze sui civili che devono essere affrontate con risorse umanitarie fatte su base volontaria. Oggi è difficilissimo risolvere i conflitti”, perché “il Consiglio di sicurezza dell’Onu è paralizzato su quasi ogni dossier.

“La macchina della politica internazionale è inceppata, e la risposta viene quindi trasferita al comparto umanitario. Una logica estremamente complessa”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820