Aggiornato alle: 15:32

Un paradosso tutto siciliano: bollette più alte per chi consuma di sera

di Redazione

» Economia » Un paradosso tutto siciliano: bollette più alte per chi consuma di sera

Un paradosso tutto siciliano: bollette più alte per chi consuma di sera

| martedì 16 Luglio 2019 - 08:00
Un paradosso tutto siciliano: bollette più alte per chi consuma di sera

Nonostante i prezzi relativamente in calo, quando si parla di bollette di luce e gas la Sicilia rimane una delle regioni più costose in Italia. Se da un lato infatti ad aprile è stata registrata una diminuzione del -8,5% nei costi relativi alla luce elettrica, e del -9,9% per quanto riguarda il metano, dall’altro lato, però, queste buone notizie non sono comunque riuscite a compensare una situazione che in Sicilia si fa molto pesante. Nell’isola, infatti, si sta vivendo una situazione di strano paradosso in cui i consumi serali sono arrivati a superare, in termini di costi, quelli giornalieri.

In Sicilia consumi più costosi nelle ore serali

Consumi serali che costano più di quelli giornalieri: un paradosso che sembra colpire, in Italia, solamente la Sicilia. Non si tratta però di un aumento casuale, in quanto una spiegazione a questo fenomeno è stata fornita direttamente da Enea: di sera il costo dell’energia aumenta per via della quota di mercato della produzione termoelettrica più alta. Anche le infrastrutture relative alla rete sono in parte colpevoli di questa situazione, in quanto si tratta di strutture in genere vecchie e che limitano, per altro, anche la diffusione delle rinnovabili, su cui invece c’è molta pressione anche da parte dell’UE. A tutto ciò si aggiunga inoltre che, tendenzialmente, in Sicilia le bollette sono già di per sé più alte che nel resto d’Italia, senza contare il sopra citato paradosso. La colpa in questo caso, come spiegato ancora una volta da Enea, sarebbe da attribuire però al mix zonale di vendita e di produzione.

Come risparmiare in bolletta

Se la situazione in Sicilia è davvero questa, il primo consiglio è certamente quello di cercare nuove opzioni per la propria fornitura, cercando ad esempio offerte a prezzo fisso per la luce tra i nuovi operatori del mercato libero, liberandosi della tariffa bioraria e assicurandosi costi sicuri in bolletta. Oltre a ciò, si suggerisce inoltre di cominciare a intraprendere una serie di buone abitudini volte al risparmio energetico e in grado di abbattere i consumi abbassando, di conseguenza, la bolletta. In primo luogo, quindi, è bene intervenire sul riscaldamento, che da solo partecipa al 79% delle spese energetiche: meglio evitare temperature troppo elevate in inverno, cercando anche di sgomberare i termosifoni da qualsiasi ostacolo (come le tende).

Inoltre, si consiglia di acquistare una caldaia di ultima generazione, e di sfiatare i termosifoni prima dell’attivazione stagionale del riscaldamento. L’isolamento termico è un’altra ottima opzione per evitare costosi sprechi energetici, e può essere ottenuto ad esempio tramite l’installazione di un cappotto e dall’impiego dei doppi vetri. Altri suggerimenti utili riguardano gli sprechi elettrici: qui sarebbe il caso di usare soltanto le lampadine LED nonché, come sempre, di spegnere le luci quando non le usiamo e quando usciamo di casa.

In Sicilia i costi in bolletta sono decisamente elevati, quindi serve correre ai ripari, e farlo quanto prima.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it